A- A+
Economia
Mediobanca pronta a vendere il suo 13% di Generali: clamorosa svolta di Nagel
Alberto Nagel

Mediobanca, la svolta di Nagel: ecco che cosa può succedere

Felix The Cat
 

La definitiva uscita di Mediobanca dal salotto buono della finanza potrebbe avversarsi molto prima di quanto chiunque potesse immaginare. L’amministratore delegato Alberto Nagel, nel presentare un nuovo piano industriale che promette una pioggia di utili per i soci di Piazzetta Cuccia, ha detto senza mezzi termini che sarebbe pronto a vendere la quota del 13% che Mediobanca detiene in Generali. Un’autentica bomba, se si pensa che l’istituto fondato da Enrico Cuccia non solo ha sempre avuto un peso notevole a Trieste, ma ha anche concluso poco più di un anno fa una vera e propria battaglia con Francesco Gaetano Caltagirone per la governance del Leone. Una battaglia vinta – visto che Philippe Donnet è stato confermato – ma che aveva lasciato qualche strascico.

In realtà, come Affaritaliani.it aveva potuto anticipare, tra il costruttore romano e Mediobanca da qualche tempo il barometro aveva iniziato a volgere verso il sereno. L’astensione di Caltagirone in assemblea sul bilancio e la nomina di Carlo Schiavone (vicino all’ingegnere) per la presidenza del collegio sindacale a Trieste avevano sancito un disgelo che ora potrebbe essere ancora più rapido.  Nel frattempo, Caltagirone è salito al 9,9% delle azioni di Piazzetta Cuccia, secondo socio dopo la Delfin di Francesco Milleri che è stabile al 19,8%.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
generalimediobancanagel





in evidenza
"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

Nuova uscita PaperFirst

"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni


motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.