A- A+
Economia
Mercati sviluppati sofferenti, il debito cresce nonostante la ripresa
Mercato Azionario Borsa

Sovranità dei mercati sviluppati: il peso del debito e la reazione delle politiche

Tra il 2020 e il 2022, i paesi sviluppati hanno accumulato notevoli debiti per far fronte a emergenze globali consecutive: prima la pandemia e poi l'aumento dei prezzi dell'energia a seguito dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Durante l'inizio di questa ondata di prestiti, i tassi di interesse erano insolitamente bassi, sostenuti dall'allentamento quantitativo.

Ora che la pandemia è terminata e le economie si sono riprese, le banche centrali hanno innalzato i tassi di interesse e ridotto il possesso di debito pubblico, aumentando gradualmente i costi di finanziamento per i sovrani dei mercati sviluppati, mentre l'inflazione persistente continua a incrementare il PIL nominale e le entrate.

Nonostante queste condizioni di finanziamento ancora favorevoli, si nota una mancanza di urgenza tra i grandi sovrani dei mercati sviluppati riguardo alle finanze pubbliche, con progressi limitati sulla consolidazione strutturale del bilancio. I rapporti debito/PIL dei paesi del G7 seguono una "funzione a gradino", aumentando più durante i periodi di crescita lenta che non durante le successive riprese economiche.

LEGGI ANCHE: Mercato azionario cinese, politiche economiche positive trainano il boom

I dati storici delle valutazioni di S&P Global Ratings riflettono questa tendenza: dal 2008, le nostre valutazioni su Francia, Regno Unito, USA e Spagna sono state tutte abbassate da 'AAA' e non sono tornate a quel livello. Un ulteriore deterioramento dei rapporti debito/PIL oltre le nostre previsioni attuali potrebbe portare a ulteriori declassamenti.

Al momento, non prevediamo che si verifichi questo livello di consolidamento di bilancio. Riteniamo che, alla luce della fase attuale dei loro cicli elettorali, solo un netto aumento delle pressioni di mercato potrebbe convincere questi governi a implementare una consolidazione di bilancio più risoluta. Tuttavia, un netto peggioramento delle condizioni di prestito aumenterebbe anche l'entità dell'aggiustamento fiscale richiesto, rendendolo ancora più doloroso.

Le eccezioni a questa tendenza di aumento del debito pubblico tra le economie avanzate sono i piccoli sovrani ex-programma in Europa - Cipro, Grecia, Irlanda e Portogallo - che mostrano una robusta crescita del PIL nominale (spesso legata al turismo) e costi di prestito bassi.

LEGGI ANCHE: Borse europee in calo. Anche Piazza Affari va giù: chiude a -0,70%

La prudenza fiscale, l'inflazione e la crescita hanno permesso a questi paesi di ridurre il loro debito rispetto al PIL da livelli molto elevati di una media del 16% del PIL tra il 2019 e il 2023, rispetto a un aumento medio dell'8,5% del PIL per il resto dei sovrani dei mercati sviluppati nel nostro studio.

Creditworthiness dei sovrani sviluppati in declino dal 2005

Per le economie sviluppate, si è assistito a un continuo indebolimento della solvibilità negli ultimi due decenni. Al 28 giugno 2024, valutiamo solo 11 su 137 sovrani con 'AAA'. Solo due di questi (Canada e Germania) sono nel G7 rispetto ai cinque nel 2005; rispetto al 2005, oggi la valutazione media sui sovrani del G7 è inferiore di 1,5 tacche e quella sui sovrani dell'area euro (sia ponderata per il PIL che la media numerica) è inferiore di due tacche. Tuttavia, dal inizio della pandemia globale e degli shock sui prezzi del petrolio, solo un sovrano del G7 è stato declassato: la Francia, il 31 maggio 2024.

Azioni di rating sui sovrani sviluppati raramente

I nostri rating sovrani riflettono la ricchezza dell'economia di un paese, la profondità dei suoi mercati dei capitali in valuta locale, la sua flessibilità monetaria ed esterna, così come la sua efficacia istituzionale. Storicamente, queste capacità persistono; e se cambiano, lo fanno molto lentamente. Questo implica la stabilità dei fattori chiave che valutiamo per determinare i nostri rating.

Le grandi economie sviluppate si finanziando in valute di riserva e beneficiano di un ampio pool di risparmi domestici. Questo, insieme alla quasi totale assenza di debito in valuta estera, ha permesso ai sovrani del G7 di rifinanziare i loro crescenti oneri del debito anche durante i cambiamenti di politica, anche se il mercato determina i costi di rifinanziamento.

LEGGI ANCHE: Francia, le elezioni scuotono l'euro. Resta alta la volatilità dei mercati

Le economie avanzate tendono anche ad avere una storia di gestione di passate turbolenze politiche, macroeconomiche e del settore finanziario, che informa la nostra valutazione istituzionale. In pratica, i governi del G7 generalmente rispondono tempestivamente alle pressioni di mercato, non ultimo perché qualsiasi aumento del loro costo di capitale fa aumentare i costi di prestito per aziende e famiglie, in particolare laddove i tassi di interesse sui mutui sono principalmente variabili piuttosto che fissi.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.