A- A+
Economia
Nella Ima dei Vacchi entrano anche Doris e Maramotti. Quanto hanno investito
Massimo Doris, Amministratore delegato di Banca Mediolanum

Doris e Maramotti entrano nel capitale di Ima, ecco quanto hanno investito le famiglie a capo di Banca Mediolanum e Credem

La holding a capo di Ima (che fu anche dell’influencer Gianluca Vacchi), accoglie due nuovi importanti soci. Secondo quanto risulta a Milano Finanza, la famiglia Maramotti, fondatrice e proprietaria della banca Credem e del brand di lusso Max Mara, ha acquisito una quota della Alps Holding (veicolo in cima alla catena societaria di Ima) pari al 2,5% per circa 115 milioni di euro.

Ma non solo i Maramotti. A investire nella società della famiglia Vacchi, tra i leader europei del packaging, sono anche i Doris. Tramite la cassaforte di famiglia Finprog Italia, infatti, i proprietari di Banca Mediolanum hanno pagato circa 8 milioni di euro per possedere poco meno dello 0,2%.

LEGGI ANCHE: Gianluca Vacchi: "Esco da Ima con oltre 700 milioni. Il mio futuro..."

All’interno della holding sono presenti anche altri nomi di rilievo, come Leonardo Maria Del Vecchio, che attraverso il suo family office Lmdv Capital detiene circa l’1,1% di Alps Holding, e Azimut, che possiede circa il 2,5% tramite due club deal organizzati per i suoi clienti.

Due novità non da poco, corredate anche dall’aumenta di capitale da 504 milioni di euro di Alps Holding che attribuisce in totale circa 165 mila azioni e che finora è stato eseguito solo per circa 270 milioni ed è da completare entro l’8 luglio. Non è da escludere quindi che possa esserne collocata un’altra tranche.

Alla fine di aprile, come riporta Mfe, emerge che il veicolo di Bdt & Msd Partners detiene oltre il 55% delle quote di Alps Holding, comprendendo sia azioni B che azioni C. Tuttavia, le azioni C non conferiscono diritto di voto, quindi, nella governance, Bdt rimane in minoranza con il 48,8% dei diritti di voto.

Inoltre, lo statuto di Alps Holding include una clausola "di sicurezza" che garantisce il controllo alla famiglia Vacchi e ai piccoli azionisti. Questa clausola stabilisce che se le azioni B dovessero rappresentare oltre il 49% dei diritti di voto, in assemblea non potrebbero superare tale soglia.

LEGGI ANCHE: Leonardo Maria Del Vecchio si compra un pezzo della Ima di Alberto Vacchi

Lo statuto prevede anche dettagli precisi per l'uscita futura di Bdt, che potrebbe avvenire attraverso un'offerta pubblica iniziale (IPO) o una vendita all'asta. Tutti i soci sono soggetti a un lock-up di cinque anni, iniziato a gennaio 2024 e terminerà nel gennaio 2029, prima che l'IPO possa essere considerata.

Inoltre, la famiglia Vacchi e i piccoli azionisti hanno il diritto di fare un'offerta per il 100% delle azioni detenute da Bdt un anno dopo la fine del lock-up. Anche se l'offerta può essere rifiutata, se la famiglia Vacchi decidesse di avviare un'asta internazionale per vendere le sue azioni, il prezzo base dell'asta sarà superiore del 5% al prezzo per azione proposto dai Vacchi.

A partire da gennaio 2033, Alps Holding e i Vacchi avranno il diritto di riscattare le quote di Bdt a un prezzo correlato alle performance del gruppo. Infine, se la banca d'affari americana mantenesse la sua quota fino al 2034, avrebbe il potere di avviare un'offerta pubblica iniziale o una vendita all'asta per liquidare la sua partecipazione.






in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


motori
DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

DACIA lancia la sfida della decarbonizzazione di oggi e domani

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.