Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Essity e Legambiente, insieme per '(IN)SOSTENIBILI TERRESTRI'

Essity e Legambiente, insieme per accrescere la consapevolezza alla sostenibilità 

Essity, multinazionale nel settore igienico-sanitario con sede centrale in Svezia, da sempre si impegna in azioni di sensibilizzazione a livello globale per accrescere la consapevolezza su importanto tematiche sociali, dalla gender equality al benessere. Questa mattina, a Milano, Essity è scesa in campo al fianco di Legambiente presentare al pubblico l'innovativo progetto '(IN)SOSTENIBILI TERRESTRI': la guida supermoderna per umani che vogliono salvare il pianeta… o quasi!

La promozione dell'iniziativa, dedicata alla sostenibilità ambientale, non poteva che svolgersi all'interno di 'Fa' La Cosa Giusta', la Fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, giunta quest'anno alla sua 19esima edizione. A partecipare all'incontro, tra gli altri, Massimo Minaudo, AD Essity Italia, Elena Eva Maria Grandi, Assessora all’Ambiente e Verde del Comune di Milano, Serena Carpentieri, Vicedirettrice Generale Legambiente, Claudia Baroni, Co-fondatrice aBetter Place e Laura Deni, Communication Manager Essity Italia.

Il progetto di Essity e Legambiente nasce da un intero anno di lavoro sinergico con un team di esperti di sostenibilità, aBetter Place e il giornalista ambientale e geografo Emanuele Bompan, e vuole provare a colmare quel gap tra intenzioni sostenibili e comportamenti reali degli italiani, promuovendo pratiche rispettose dell'ambiente tramite una guida con solide basi scientifiche.

Quando si parla di sostenibilità, infatti, nonostante la diffusa sensibilità sull’argomento, non tutti sono davvero consapevoli dei comportamenti corretti da adottare nel quotidiano. Nel 2021 Essity ha realizzato The Green Response Report 2021, uno studio nato per indagare le abitudini dei consumatori e, in particolare, gli effetti della pandemia sui loro comportamenti in tema di sostenibilità. Dalle risposte degli italiani è emerso come la pandemia abbia modificato gli stili di vita e aumentato la consapevolezza delle persone di far parte di un ecosistema da salvaguardare: il 70% degli intervistati si è dichiarato cosciente di poter influenzare la situazione ambientale con i propri comportamenti. Tuttavia, si è delineata una discrepanza (frutto di confusione e poca chiarezza) tra quanto gli italiani dichiarano e come di fatto agiscono.

Dalla necessità di contribuire a ridurre questo divario, Essity in collaborazione con Legambiente, ha creato il "Green Board Essity & Legambiente": una tavola rotonda che ha ospitato i maggiori esperti di sostenibilità in Italia.

“Abbiamo esplorato l’universo dei comportamenti e delle ambizioni sostenibili degli italiani con l’obiettivo di parlare a cittadini, consumatori e alle generazioni future, mobilitandone la sensibilità verso un cambiamento concreto" ha raccontato Massimo Minaudo, amministratore delegato di Essity Italia. "In Essity ci impegniamo ogni giorno per rompere le barriere al benessere delle persone, creando al contempo valore sostenibile negli ambiti di igiene e salute".

Serena Carpentieri, Vicedirettrice Generale di Legambiente, ha commentato durante il suo intervento: "Questo progetto insieme a Essity e tante professionalità, tra cui aBetterPlace, vuole offrire un nuovo strumento e un nuovo punto di vista sulla sfida ambientale che mette al centro i nostri comportamenti quotidiani, una divertente riflessione sulle nostre imperfezioni e, al contempo, sul grande potere che noi tutti possiamo avere per migliorare l’ambiente e la nostra qualità della vita, a partire dai piccoli gesti”.

L'intervista di affaritaliani.it a Massimo Minaudo, amministratore delegato Essity Italia

Essity, spiega Massimo Minaudo ai microfoni di affaritaliani.it, è un'azienda presente da anni in Italia, la cui cultura aziendale affonda le radici in territorio scandinavo, da sempre molto sensibile a tematiche sociali e ambientali. Per questo Essity è attenta alla sostenibilità e si impegna sul tema in modo serio e coerente.

L'amministratore delegato di Essity Italia ha illustrato la genesi del progetto presentato oggi e i suoi obiettivi: "Nel 2021 abbiamo condotto una ricerca sulle conseguenze della pandemia sulla sensibilità ambientale delle persone": dalle risposte degli italiani è emerso come la pandemia abbia cambiato gli stili di vita in un'ottica più sostenibile, ma allo stesso tempo è parso chiaro il gap tra quello che gli italiani dichiarano sui temi ambientali e su come poi concretamente agiscono nella vita quotidiana. "Proprio su questo elemento di discrepanza abbiamo voluto provare a dare un contributo" ha affermato Minaudo, "contattando Legambiente e lavorando insieme sull'argomento, per produrre una Guida che aiutasse gli italiani a condurre uno stile di vita più sostenibile e più adeguato alla tutela dell'ambiente. Quindi eccoci oggi a Milano per presentare il risultato della nostra attività alla Fiera Fa' la Cosa Giusta".

La narrazione della Guida, fresca e coinvolgente, ha un linguaggio innovativo, diverso da quello a cui siamo abituati quando parliamo di sostenibilità ambientale, adatto non solo agli adulti, ma anche a bambini e adolescenti, i veri protagonisti del nostro futuro: "Sicuramente i bambini sono un target fondamentale perché rappresentano il nostro futuro ed è quindi fondamentale accrescere in loro una maggiore sensibilità ambientale" ha concluso l'AD di Essity Italia.

Le dichiarazioni di Serena Carpentieri, Vicedirettrice Generale Legambiente, ad affaritaliani.it

"Per Legambiente partecipare al progetto di una Guida alternativa, "(IN)SOSTENIBILI TERRESTRI", è stata una bella avventura". Parola di Serena CarpentieriVicedirettrice Generale di Legambiente, che a margine dell'evento ha sottolineato: "Ciò che ci ha stimolati maggiormente è il punto di partenza: un'indagine sociale che evidenzia come le persone siano sempre più informate sui problemi cui è soggetto l'ambiente e sempre più intenzionate a fare la propria parte, però di questi solo pochi riescono poi effettivamente ad adottare comportamenti sostenibili. Insieme ad Essity, che ci ha incentivato a portare il nostro contributo come Associazione ambientalista, abbiamo sposato il progetto perché riteniamo che le persone necessitino di una maggiore consapevolezza sulla crisi energetica e quella climatica che stiamo vivendo".

Secondo Carpentieri, assieme ai comportamenti delle persone, vanno riviste e accelerate anche le politiche di mitigazione e adattamento al clima, spingendo al contempo anche sulle tecnologie e le innovazioni sviluppabili a livello industriale. È necessaria dunque l'unione e la coesione di tre soggetti, politica, industria e cittadini, per mitigare quanto prima la crisi ambientale che stiamo vivendo, ha concluso la Vicedirettrice Generale di Legambiente.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
essity cartaessity green boardessity insostenibili terrestriessity legambienteessity social cohesion days

Gli Scatti d’Affari

Cosmoprof Worldwide Bologna 2024, annunciate le date e il nuovo format

Gli Scatti d’Affari

Sanità, l'Ospedale Gemelli lancia il progetto "San Bartolomeo"

Gli Scatti d’Affari

Slow Brand Festival 2023: le nuove tendenze del mondo del branding

Gli Scatti d’Affari

Pasquarelli Auto debutta a Piazza Affari su Euronext Growth Milan

Gli Scatti d’Affari

WomenX Impact Summit: Eni confermato Main Sponsor dell’evento

Gli Scatti d’Affari

SEA e easyJet: il Terminal 2 di Milano Malpensa riapre ai viaggiatori

Gli Scatti d’Affari

Grandi Stazioni Retail, nuova apertura Starbucks a Roma Termini

Gli Scatti d’Affari

IEG, inaugurate a Singapore le fiere del food&beverage ed equipment

Gli Scatti d’Affari

Riciclo pneumatici: Ecopneus a Roma discute il futuro della filiera

Gli Scatti d’Affari

Strategy Innovation Forum, grande successo per il debutto a Bari

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Oceane, Camila Giorgi francese tra perizomi e bikini. Le foto

Roland Garros vincente

Oceane, Camila Giorgi francese tra perizomi e bikini. Le foto



motori
Gruppo Renault: prosegue la trasformazione del suo business model in Italia

Gruppo Renault: prosegue la trasformazione del suo business model in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.