Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Le multinazionali industriali e la crescita del settore Difesa

Cresce il giro d’affari delle maggiori multinazionali industriali mondiali

Il comparto della Difesa è il settore industriale a maggior tasso di crescita per quanto concerne la capitalizzazione. È il primo e più rilevante dato che emerge dal Report “Le multinazionali industriali mondiali: analisi settoriale e focus sulla Difesa” realizzato dall’Area Studi di Mediobanca. Il giro d’affari delle maggiori multinazionali industriali mondiali registra un aumento del +13,3% rispetto al 2021, con tutti i settori in progressione. In particolare, si evidenzia come tutti i comparti abbiano superato i livelli pre-pandemici, con la sola eccezione dei produttori di aeromobili.

Tra tutti spicca la crescita dell’Oil&Gas, che si attesta a +53,6%, accompagnato, anche se a distanza, da automotive (+19,2%), metallurgia (+17,3%) e moda (+14,9%). Seguono l’industria dei Pagamenti Digitali (+12,6%), l’alimentare (+11,9%) e le bevande (+11,4%) con crescite inferiori alla media ma comunque sopra il 10%.

Con un aumento contenuto si accodano, infine, i produttori di aeromobili, che sfiorano il 10% (+9,6%), le case farmaceutiche (+8,9%), GDO (+8,1%), WebSoft (+7,8%), elettronica (+6,8%), Media&Entertainment (+6,3%), telecomunicazioni (+4,5%) e Difesa (+4,0%).

Focus sul settore Difesa

L’Area Studi Mediobanca si è concentrata sul comparto della Difesa, divenuto sempre più importante per le crescenti tensioni geopolitiche – dall’inasprirsi delle frizioni tra Cina e Usa al nuovo terreno di scontro nel Sud Pacifico, senza dimenticare il conflitto tra Russia e Ucraina che si sta lentamente cronicizzando. La spesa globale per la Difesa ha superato per la prima volta i 2mila miliardi di dollari nel 2021 (+0,7% sul 2020 e +12% sul 2012, in termini reali), raggiungendo il massimo storico di 2.113 miliardi (2,2% del PIL globale), pari a 5,8 miliardi al giorno. Il 37,9% fa capo agli Stati Uniti (801miliardi), seguiti da Cina con il 13,9% (293miliardi), India (3,6%), Regno Unito (3,2%) e Russia (3,1%); l’Italia ricopre l’undicesimo posto con l’1,5% del totale mondo (32 miliardi di dollari, pari a 88milioni al giorno). Il nostro Paese, tra l’altro, dovrebbe adeguarsi ai requisiti NATO e portare progressivamente il livello intorno al 2% del Pil entro il 2028.

Nel 2022 il giro d’affari aggregato dei trenta gruppi mondiali con prevalente specializzazione nella Difesa si è attestato a €432mld, di cui €316mld si stima siano generati esclusivamente dallo stesso comparto (+4,0% sul 2021 e +10,5% sul 2019). Anche qui il panorama è dominato da player statunitensi per il 74%, seguiti con netto distacco dai gruppi europei (22%) e asiatici (4%). Naturalmente le crescenti tensioni geopolitiche hanno determinato un aumento dei budget nazionali: per questo si prevede, per l’anno corrente, un’ulteriore crescita dei ricavi del +6% rispetto al precedente.

Anche a livello numerico gli Stati Uniti ottengono il primato, raggiungendo quota 15 big, davanti alla Francia, distanziata con tre società; due gruppi ciascuno per Germania, Gran Bretagna, India e Italia che, con Fincantieri e Leonardo, conta per il 21% del giro d’affari europeo e per il 4,7% di quello mondiale. Seguendo tale linea, i primi cinque posti per ricavi stimati generati dal comparto della Difesa sono occupati esclusivamente da Gruppi statunitensi: Lockheed Martin (€57,5mld), Raytheon Technologies (€37,1mld), Boeing (€35,6mld), Northrop Grumman (€29,5mld) e General Dynamics (€25,9mld). Per quanto concerne le italiane, Leonardo rappresenta l’ottavo player mondiale per fatturato (€12,2mld), mentre Fincantieri occupa la 23esima (€2,4mld).

Guardando all’incremento dei ricavi, la turca Aselsan primeggia di gran lunga (+75 % sul 2021), seguita dalle tedesche Hensoldt (+15,8%) e Rheinmetall (+13,3%) e alle statunitensi HII-Huntington Ingalls Industries (+12,1%) e Booz Allen Hamilton (+11,8%), tutte in crescita a doppia cifra. Entrambi i gruppi italiani si distinguono per un incremento superiore alla media: Fincantieri con +8,1% e Leonardo con +4,1%.

Boom di rendimento in Borsa, ma Leonardo e Fincantieri sono sottostimate

La capitalizzazione delle multinazionali della Difesa si attesta a 736 miliardi di euro a fine 2022, pari allo 0,8% del valore complessivo delle borse mondiali (0,5% a fine 2021), in aumento di oltre il 27%. Mediamente la capitalizzazione risulta quattro volte superiore ai mezzi propri, con le italiane fra le meno valorizzate dalla Borsa: Fincantieri quota 1,5 volte il capitale netto e Leonardo 0,6 volte. A fine marzo 2023 la capitalizzazione aggregata segna 721 miliardi di euro, di cui l’80% in capo ai gruppi a stelle e strisce. Nel 2022 il rendimento azionario dei player della Difesa (dividendi inclusi) è pari al +34,6%, ben al di sopra del -11,0% segnato dall’indice azionario mondiale.

Il comparto della Difesa, dopo decenni di minore attenzione, è tornato prepotentemente al centro della discussione economica e politica. E le imprese del settore riflettono questo rinnovato interesse. L’auspicio è che anche le eccellenze italiane possano beneficiare di analoga considerazione e venire valorizzate, anche dal punto di vista borsistico, come meritano. La strada è segnata, la nuova sfida, seppur complessa, è rappresentata dalle logiche ESG e da una decisa adozione dei principi di sostenibilità.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
crescita comparto difesamediobanca area studimediobanca reportmultinazionali difesamultinazionali industriali globali




Gli Scatti d’Affari

Giorno della Verità, a Milano si accende il dibattito sul futuro dell'Italia

Gli Scatti d’Affari

Gallerie D'Italia - Milano, apre al pubblico la mostra "Felice Carena"

Gli Scatti d’Affari

ANBI, conclusa la quinta edizione del concorso fotografico 'Obiettivo Acqua'

Gli Scatti d’Affari

Intesa Sanpaolo lancia SPAZIOXNOI, un luogo di socialità per gli over 65

Gli Scatti d’Affari

EALA è il primo hotel sul Lago di Garda ad aggiudicarsi 2 Chiavi MICHELIN

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber: annunciato il completamento del Piano BUL in Molise

Gli Scatti d’Affari

Futuro Direzione Nord: presentata la 22esima edizione ‘Road To Europe’

Gli Scatti d’Affari

Agici e Accenture: presentato il 24° Workshop dell'Osservatorio Utilities

Gli Scatti d’Affari

Axpo Italia presenta il nuovo Profilo di Sostenibilità

Gli Scatti d’Affari

SEA, Milano Linate diventa un aeroporto Full Biometric

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.