Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Salone del Mobile, Intesa Sanpaolo presenta il talk sul comparto Arredo

Intesa Sanpaolo al Salone del Mobile 2024 con il talk "Il comparto arredo, eccellenza del Made in Italy"

La settimana del Design di Milano è nel suo pieno svolgimento. Il Salone del Mobile, che anima la città attraendo appassionati, addetti ai lavori ed esperti del settore, si concluderà infatti domenica 21 aprile. In questo contesto, Intesa Sanpaolo, partner istituzionale per l’ottavo anno consecutivo della fiera e prima banca italiana nel supporto finanziario al settore del design e del sistema casa italiano, ha ospitato oggi, presso l’Arena Drafting Futures al Padiglione 14, il talk “Eccellenza del Made in Italy Investimenti strategici e vantaggi competitivi per lo sviluppo internazionale della filiera”. L’incontro ha visto la partecipazione di imprenditori, designers e startup, che hanno acceso il dibattito su innovazione tecnologica e digitale, riposizionamento geografico e generazionale quali leve per la crescita in una logica di medio-lungo periodo. .

Ad aprire i lavori Maria Porro, Presidente Salone del Mobile.Milano. Dopo la presentazione dello scenario economico del settore del mobile curata da Stefania Trenti, Responsabile Industry Research Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, ha seguito un dialogo con gli architetti e designers Ludovica Serafini e Roberto Palomba. Ad intervenire anche Anna Roscio, Executive Director Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo; Giorgio Castagno, CEO & Co founder di WAVE (startup di Borgosesia); Augusto Ciarrocchi Presidente di Ceramica Flaminia, azienda di Civita Castellana (VT); Stefania Lazzaroni, Direttrice Generale Fondazione ALTAGAMMA, impegnata nella crescita e competitività delle imprese dell’industria culturale e creativa italiana.

Dall’incontro è emerso che la trasformazione green ed energetica devono diventare elementi sempre più strategici anche all’interno della filiera del design e dell’arredo, rendendola un propulsore della diffusione dell’eco-sostenibilità, della tecnologia e digitalizzazione e assumendo un ruolo sempre più determinante per il successo dell’impresa e per l’impatto che essa genera sull’economia locale. Attraverso il Programma Sviluppo Filiere, Intesa Sanpaolo ha già attivato per il Sistema Casa circa 40 contratti di filiera a cui corrispondono 450 fornitori e circa 3.200 dipendenti e con un giro d’affari di oltre 2 miliardi di euro volti a favorire la creazione di nuovi processi di filiera e il rafforzamento qualitativo di quelli in essere e facilitare l’accesso al credito anche delle realtà minori per sostenerle nel rilancio e nei processi di digitalizzazione e transizione green.

Anna Roscio, Executive Director Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo commenta: “Il comparto del mobile e dell’arredo trova una delle sue leve di sviluppo nel sistema delle filiere, unico nel panorama internazionale e che ha determinato un posizionamento distintivo dell’intero comparto tra i prodotti di punta del Made in Italy. Questa qualità e unicità deve oggi essere supportata da strategie di investimenti attente a innovazione e sostenibilità, passaporto per i mercati esteri. Nel triennio 2020-2023 Intesa Sanpaolo ha giocato un ruolo rilevante nel supportare i flussi di import/export, sostenendo con circa 4 miliardi di euro di finanziamenti oltre 45.000 imprese clienti nei processi di internazionalizzazione e nell’export”.

Innovazione, sviluppo sostenibile insieme alla ricerca di nuovi mercati sono i tre driver fondamentali per le imprese che guardano al domani e su cui si fonda il nuovo programma di Intesa Sanpaolo che mette a disposizione 120 miliardi di euro fino al 2026 per accompagnare la progettualità delle imprese e favorire nuovi investimenti per la competitività italiana accelerando la dinamica di buone performance del sistema produttivo e assicurando l’immediata attivazione di strategie sostenibili e di lungo periodo. Una serie di interventi che si inserisce tra le azioni del Gruppo a sostegno della realizzazione degli obiettivi fissati nel PNRR, per i quali sono stati stanziati complessivamente oltre 410 miliardi di euro, come annunciato dal CEO Carlo Messina.

Sintesi dello Studio “Lo scenario per il settore del mobile: strategie e vantaggi competitivi per lo sviluppo internazionale della filiera”

L’industria italiana del mobile, con circa 15.000 aziende e oltre 128.000 addetti (il 3,3% del totale manifatturiero), è tra i settori di punta del Made in Italy ed è stata tra i principali driver della ripresa italiana post-Covid, che nel 2022 ha portato il settore a superare la Germania come principale produttore europeo per fatturato. Anche nel 2023, il mobile Made in Italy si è confermato ai vertici in Europa, con un fatturato di 25,8 miliardi di euro, solo in lieve contrazione (-3%) rispetto a un 2022 record. Sul risultato hanno pesato sia un’intonazione prudente degli acquisti sul mercato interno, sia il fisiologico ripiegamento della domanda sui mercati internazionali.

In un contesto mondiale di accelerazione degli scambi nella seconda metà del 2024, dopo una prima parte dell’anno ancora debole, la propensione all’export dell’industria italiana del mobile crescerà ulteriormente, collocandosi poco al di sotto del 50% nell’orizzonte del 2026, per un valore delle esportazioni che potrà raggiungere i 13 miliardi di euro. Sul fronte interno, le prospettive vedono i consumi delle famiglie migliorare rispetto ai minimi del 2023, grazie al graduale rientro delle tensioni inflative e al recupero del reddito disponibile. Le nuove sfide per il futuro del mobile italiano sono molteplici: i risultati dell’inchiesta periodica sui gestori Intesa Sanpaolo evidenziano come l’incertezza e la complessità dello scenario stiano portando le imprese del mobile ad aumentare ulteriormente l’efficienza dei processi (tramite innovazioni organizzative e investimenti), anche nella logistica e nei magazzini, e spingere ulteriormente sul fronte dell’energia (con investimenti in impianti di autoproduzione). Cruciale risulta poi essere la diversificazione dei mercati di sbocco, già più elevata rispetto ai principali competitor, e nettamente più sentita rispetto ad altri settori, in particolare, nei distretti industriali.

Le strategie sul versante green, oltre alla spinta verso le fonti rinnovabili, saranno dirette verso una maggiore circolarità, attraverso la raccolta differenziata, l’utilizzo di materie prime seconde e la riduzione degli imballaggi. Un sostegno importante in questa direzione potrà derivare dalla spinta delle grandi e medie imprese leader per sostenere la transizione delle proprie filiere di fornitura.

Il commento ad affaritaliani.it di Stefania Trenti, Responsabile Industry Research Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

 

"Lo scenario per il settore del mobile italiano è improntato verso un relativo ottimismo", ha dichiarato ai microfoni di affaritaliani.it Stefania Trenti, Responsabile Industry Research Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. "Nonostante un quadro che rimane comunque molto incerto, ci aspettiamo nell'orizzonte della seconda metà del 2024 un recupero della domanda per consumi, in particolare in Italia ma anche negli altri Paesi Europei, che rimangono tra i principali mercati di riferimento delle molte imprese italiane del settore, anche quelle di dimensioni più piccole. La frenata dell'inflazione, inoltre, sicuramente darà un contributo ad un risveglio del mercato. Riteniamo che le imprese italiane siano in grado di cogliere queste nuove opportunità. Ci aspettiamo, poi, che l'export arrivi a coprire il 50% quasi del fatturato delle imprese del mobile nell'orizzonte del 2026, per un valore complessivo dell'esportazione intorno ai 13 miliardi". 





Gli Scatti d’Affari

Bauli, inaugurata a Milano la pasticceria "Minuto Bauli"

Gli Scatti d’Affari

Giorno della Verità, a Milano si accende il dibattito sul futuro dell'Italia

Gli Scatti d’Affari

Gallerie D'Italia - Milano, apre al pubblico la mostra "Felice Carena"

Gli Scatti d’Affari

ANBI, conclusa la quinta edizione del concorso fotografico 'Obiettivo Acqua'

Gli Scatti d’Affari

Intesa Sanpaolo lancia SPAZIOXNOI, un luogo di socialità per gli over 65

Gli Scatti d’Affari

EALA è il primo hotel sul Lago di Garda ad aggiudicarsi 2 Chiavi MICHELIN

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber: annunciato il completamento del Piano BUL in Molise

Gli Scatti d’Affari

Futuro Direzione Nord: presentata la 22esima edizione ‘Road To Europe’

Gli Scatti d’Affari

Agici e Accenture: presentato il 24° Workshop dell'Osservatorio Utilities

Gli Scatti d’Affari

Axpo Italia presenta il nuovo Profilo di Sostenibilità

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

Cronache

Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo


motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.