A- A+
Economia
Open Fiber, governance per gli investimenti. Su cosa trattano Cdp e Macquarie

In un momento straordinario come quello che stiamo vivendo anche dare conto dei piccoli passi è importante. Il tema del passaggio di Open Fiber da Enel a Cdp e Macquarie non è in discussione, così come non lo è il fatto che per la fine dell’anno tutto sarà ormai stato definitivamente ratificato. Rimangono ancora due nodi da sciogliere, anche se si registra – per una volta – una certa tranquillità da parte di tutti gli attori coinvolti.

Elisabetta Ripa AD Open Fiber oriz.

Il Ceo di Open Fiber Elisabetta Ripa


 

Il primo tema da capire è quello relativo alla quota che Cdp rileverà da Enel. Quello che è certo è che la Cassa sarà l’azionista di maggioranza, con una quota oscillante tra il 51 e il 60%. Non andrà sicuramente oltre, anche perché il fondo australiano Macquarie ha deciso di mettere sul piatto parecchi soldi (fino a 2,65 miliardi) e non ha intenzione di essere troppo in minoranza.

D’altronde, parliamo di un fondo che ha in gestione asset per oltre 380 miliardi di euro (o 595 miliardi di dollari australiani), uno dei più importanti tra i player del mondo infrastrutturale. A febbraio, ad esempio, ha raccolto 1,6 miliardi investimenti nelle energie rinnovabili con la chiusura finale di Macquarie Green Investment Group Renewable Energy Fund 2, superando l’obiettivo minimo di raccolta fissato a un miliardo.

2 CDP
 

Per questo l’intenzione di Enel di rimandare ulteriormente il “gradimento” non deve essere letta come una fumata nera o come l’intenzione di strappare altre condizioni. Il “gradimento” che manca non è certo sulla solidità di Macquarie, ormai definitivamente acclarata, ma sulla strategicità dell’operazione e sulla divisione delle quote.

Il secondo tema da definire è relativo alla governance della nuova Open Fiber. Secondo fonti accreditate, al momento la divisione delle cariche sarebbe la seguente: un amministratore delegato scelto da Cassa Depositi e Prestiti, un Cfo (ma con potere di veto sugli investimenti) selezionato da Macquarie, mentre i due soci insieme dovrebbero esprimere il presidente. Al momento, nel ruolo di ceo di Open Fiber c’è Elisabetta Ripa, ex Tim, che è alla guida dell’azienda dal 2018. 

In molti si chiedono quale sarà il destino della manager. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, la sua posizione sarebbe in bilico, anche se è massimo il riserbo intorno ai nomi che potrebbero comporre il nuovo board della società. Per quanto concerne il presidente di Open Fiber, Franco Bassanini, invece si propone un tema di rapporti “di buon vicinato”.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    open fiberenelcdptimluigi gubitosifrancesco staraceaccesscofibercop
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    Spettacoli

    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Renault rinnova la sua gamma di veicoli commerciali

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.