A- A+
Economia
Paluani, il re dei dolci fallisce miseramente: sommerso da milioni di debiti
Fallimento Paluani

Paluani fallisce, la fine arriva dopo che lo scorso anno lo storico colosso ha ceduto alla Sperlari le sue attività per 7,6 milioni 

Fine amara per Paluani, storica azienda di Dossobuono (Verona) fondata 102 anni fa (1921) produttrice di pandori, panettoni e colombe pasquali di proprietà della famiglia Campedelli, già proprietaria della squadra di calcio Chievo, finita in fallimento lo scorso anno. E pochi giorni fa Maria Attanasio giudice del tribunale di Verona ha dichiarato il fallimento della Paluani spa nominando curatori Matteo Creazzo e Andrea Rossi convocando i creditori il prossimo 23 ottobre per l’esame dello stato passivo. La fine giunge dopo che Paluani lo scorso anno ha ceduto alla Sperlari che fa capo al gruppo dolciario tedesco Katjes International le sue attività per 7,6 milioni di euro all'asta organizzata dallo stesso tribunale, che si è chiusa lo scorso 11 luglio.

LEGGI ANCHE: Santanchè, mare di debiti: accolta la richiesta di concordato per Visibilia

Perché il fallimento? Il tribunale è giunto alla drastica decisione avendo revocato l’ammissione alla procedura di concordato preventivo contestando all’azienda una serie di criticità fra le quali le “assai contenute percentuali di soddisfacimento dei creditori in conseguenza del fatto che a fronte di un ammontare complessivo di quasi 82 milioni di euro, la somma che si mette a disposizione è di soli 815.660 euro”. Di più: gli apporti di finanza da soci e/o amministratori per circa 1,7 milioni “erano tutti privi di qualsiasi garanzia” così come non erano “previsti strumenti giuridici atti ad assicurare una vendita proficua del compendio immobiliare di Dossobuono”.

LEGGI ANCHE: Eros Ramazzotti azzoppato ancora dal Covid: Radiorama ha debiti per 2,5 mln

Malgrado le richieste dei commissari del concordato “i soci, gli amministratori e il sindaco non hanno fornito le richieste garanzie a copertura degli impegni”, il tutto “con inevitabile prolungamento dei tempi e ulteriore pregiudizio delle ragioni dei creditori” con ciò confermando “la già evidenziata inaffidabilità, nonché la contrarietà ai principi di correttezza e buona fede” del piano concordatario.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
paluanipandoro





in evidenza
La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

Guarda le foto

La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024


motori
Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.