A- A+
Economia
Rete, nessun passo avanti dopo l’incontro al ministero: si allungano i tempi

Rete unica, i tempi si allungano

Confermate le indiscrezioni raccolte da Affaritaliani.it: i tempi per la rete unica (ammesso che si faccia) sono destinati a dilatarsi. La riprova si è avuta nella giornata di ieri 26 gennaio, quando l’incontro al Mimit non ha prodotto alcun risultato di rilievo. Si tratta del quarto tavolo convocato in poco più di un mese. Ma, di nuovo, non si è giunti a una conclusione né per quanto riguarda la rete unica, né per quanto concerne il ruolo di Tim nello scacchiere, né ancor meno per quello che riguarda la definizione delle agevolazioni fiscali per le aziende del comparto, dal riconoscimento di status di “energivori” all’Iva ridotta.

Il governo ha preso tempo, sa che in questo momento le urgenze sono altre. Ma sa anche che senza un comparto delle telecomunicazioni sano non si va da nessuna parte. Che cosa succederà nei prossimi mesi? Intanto, un segnale: in una giornata tutto sommato positiva per i mercati, Tim perde oltre lo 0,6%, segno evidente che gli analisti non si fidano più tanto della rapidità dell’operazione. Tant’è che Equita ha convenuto che i tempi si dilateranno. 

Secondo Oddo Bhf la vendita della rete di Tim rimane molto probabile. Lo scenario più probabile è ora un'offerta da parte di un consorzio di investitori e della Cdp, con Vivendi che potrebbe accettare un'offerta di 24 miliardi di euro, contro la stima di 17 miliardi (ossia un multiplo di circa 12 volte l’EBITDA). Ricordiamo che un’offerta ufficiale da parte di Cdp o di altri soggetti non è mai arrivata, mentre il gran capo di Vivendi Arnaud De Puyfontaine ha stimato in 31-34 miliardi la forchetta entro cui si colloca il valore della rete.

Va detto che nel frattempo di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia e i francesi non hanno più parlato di cifre. La sentenza della Cassazione dei giorni scorsi che sancisce come Vivendi non abbia il controllo di fatto su Tim è un ulteriore assist a trovare una quadra, con i francesi che, una volta usciti dal board, possono giostrare liberamente da “semplici” azionisti. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cdpmacquarieopen fiberreterete unicatim





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.