A- A+
Economia
Riforma fiscale, il condono inserito nel decreto: "patto" con i contribuenti
Maurizio Leo

Fisco, il nodo delle "dichiarazioni infedeli" sopra i 150mila €

Il governo sta lavorando ad una riforma del Fisco. Il viceministro dell’Economia con delega al Fisco, Maurizio Leo, conferma l’intenzione del governo di ridurre a tre le aliquote dell’Irpef, facendo anche leva su una revisone delle tax expenditures, cioè le detrazioni e le deduzioni fiscali. Era uscito in extremis dalla porta della legge di Bilancio, alla fine dello scorso anno, ma - si legge sul Fatto Quotidiano - ora rientra dalla finestra. Il condono fiscale per gli evasori, rivelato nei mesi scorsi dal Fatto, sta per trovare spazio nei decreti attuativi della legge delega di riordino fiscale che il governo guidato da Giorgia Meloni porterà giovedì della prossima settimana al Consiglio dei ministri. Verranno così depenalizzati sia le dichiarazioni fiscali infedeli per valori sopra i 150mila euro sia gli omessi versamenti. La questione è stata toccata in un incontro che si è tenuto ieri al ministero dell’Economia tra il viceministro con delega agli Affari fiscali, Maurizio Leo (Fratelli d’Italia) e i sottosegretari del Mef.

Al Consiglio dei ministri di giovedì 16 marzo, - prosegue il Fatto - il governo discuterà la legge delega sui principi del complesso riordino fiscale sui quali la maggioranza discute da mesi. Nel testo del provvedimento non è previsto alcun riferimento diretto al condono dei reati fiscali minori, così come non ci saranno le tre aliquote invece delle quattro attuali sul fronte dell’imposta sui redditi delle persone fisiche. La legge delega indicherà in maniera generica l’introduzione di un "patto" tra i contribuenti e lo Stato. Inoltre ci sarà un riferimento al tipo di "adesione", si stabilirà il principio dunque, che se ciò che non si è dichiarato viene restituito non si correrà il rischio di un processo penale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
riforma fiscale





in evidenza
Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti


motori
GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.