A- A+
Economia
Riforma pensioni, uscita a 63 o a 67 anni: chi ci guadagna. La proposta Inps

Riforma pensioni, subito a 63 anni una parte, il resto a 67. Ecco la proposta dell'Inps

La riforma delle pensioni è un tema sempre più caldo, visto che dal 2023 scadranno le misure transitorie e temporanee che hanno consentito di anticipare l’uscita dal lavoro con diversi strumenti a molti lavoratori. Scadono infatti la Quota 103 e Opzione Donna, l’Ape sociale e non resteranno che le misura ancorate alla legge Fornero. Con l’età pensionabile fissata a 67 anni per tutti. Ma c’è una proposta alternativa, avanzata da tempo dall’Istituto previdenziale italiano e del suo presidente Pasquale Tridico.

Pensione anticipata a 63 anni ma non intera. Ecco come funziona la riforma dell'Inps

La proposta di Tridico prevede la possibilità di andare in pensione a 63 o 64 anni con un assegno ridotto perché pagato solo in parte. Ma che garantirebbe una maggiore flessibilità nell’accesso alla prestazione previdenziale. Con questa misura l’Inps consentirebbe ai lavoratori di scegliere se andare in pensione prima dell’età prevista dalla legge Fornero, con un assegno ridotto, e a libera scelta a partire dai 63 anni di età. L’accesso alla pensione sarebbe ad appannaggio di soggetti che hanno iniziato a lavorare prima del 1996 e quindi che hanno una pensione mista (in parte contributiva e in parte retributiva).

Servirebbero almeno 63 o 64 anni di età, almeno 20 anni di contribuzione e una quota di pensione calcolata con il metodo contributivo che non deve essere inferiore a 1,2 volte l’assegno sociale. La proposta Tridico prevede che il lavoratore possa accedere a una prestazione di importo pari alla quota contributiva maturata alla data della richiesta. E calcolata come naturale che sia, con il sistema contributivo puro. La pensione completa, che si otterrebbe al raggiungimento dell’età di vecchiaia (67 anni), avrebbe dentro anche la quota retributiva.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
2023inpspensionipropostariforma





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.