A- A+
Economia
Ritratto di Christine Lagarde, la nemica dell'Italia "zerbino" di Sarkozy

Chi è Christine Lagarde, la nemica dell'Italia

In generale l’Italia non è amata all’estero, soprattutto in Europa. E se gli inglesi alla fine sono pragmatici e gli basta fare “business” i francesi sono i veri nemici del nostro Paese, al di là delle pose di facciata e qualche salamelecco di circostanza. Basti pensare al problema della gestione dei migranti alle frontiere: loro vogliono passare i confini e quando riescono a farlo Parigi li riporta indietro di notte, utilizzando la polizia di frontiera.

Ma la vera nemica dell’Italia è una signora abbastanza datata d’età, nata a Parigi, grinzosa come una prugna e che è la presidentessa della Banca Centrale Europea dal 1 novembre 2019. Si chiama –volendo declinare i suoi nomi in tutta la loro magnificenza- Christine Madeleine Odette Lagarde.

Prima è stata ministro dell’Economia del suo Paese e nel 2011 è diventata direttrice del Fondo Monetario Internazionale dopo che il suo connazionale Dominique Strauss-Kahn fu costretto a dimettersi per l'accusa, rivelatasi poi infondata, di aver stuprato una cameriera in un hotel di New York. Qualche anno dopo, nel 2015, si replicò con un falso scandalo sessuale con una prostituta all’Hotel Carlton di Lille su cui grava il sospetto della combine. L’episodio rimane oscuro e Kahn fu prosciolto da ogni accusa ma ormai la sua carriera era rovinata e il suo posto fu subito ghermito al volo dalla scaltra francese.

La Lagarde è però diventata famosa nel mondo per un clamoroso ritrovamento durante una perquisizione nella sua abitazione privata nel giugno 2013 nell’ambito di una inchiesta per arbitrato nell'affaire Tapie - Crédit Lyonnais. Come riporta il quotidiano Le Monde gli inquirenti hanno ritrovato degli imbarazzanti appunti di una lettera che l’allora ministra aveva indirizzato al presidente francese Nicolas Sarkozy:

"Caro Nicolas, molto brevemente e rispettosamente:

1) Sono al tuo fianco per servire te e servire i tuoi progetti per la Francia
2) Ho fatto del mio meglio e posso avere fallito, qualche volta. Te ne chiedo perdono
3) Non ho ambizioni politiche personali e non desidero diventare un'ambiziosa servile come molti di coloro che ti circondano: la loro lealtà è recente e talvolta poco durevole
4) Usami per il tempo che serve a te, alla tua azione e al tuo casting
5) Se mi usi, ho bisogno di te come guida e come sostegno: senza guida, rischio di essere inefficace, senza sostegno rischio di essere poco credibile. Con la mia immensa ammirazione. Christine L".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bceeuropalagardesarkozy





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


motori
Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.