A- A+
Economia
Silicon Valley Bank, chi ci rimette sono sempre i risparmiatori: ora basta

Silicon Valley Bank, ci rimettono sempre i risparmiatori

Ancora un'altra banca in default? Certamente e sicuramente non sarà l'ultima. Nel settore bancario troviamo diverse specializzazioni, per esempio: c'è chi si occupa solamente della gestione del risparmio, chi lavora ancora come una  banca commerciale e poi molte altre banche si sono introdotte in settori “nuovi” come le criptovalute, i derivati ecc. La domanda però è sempre la stessa: perché a rimetterci deve essere sempre il “povero” risparmiatore? 

La domanda sicuramente è lecita, ma quello che rende perplessi, ogni volta che una banca affonda, sono le excusatio che, di volta in volta, trovano molti estimatori a fare da cassa di risonanza. Come al solito il risparmio viene tradito da chi diventa il Michael Milken di turno  (inventore dei “titoli spazzatura o Junk Bond), o il Gordon Gekko oppure il lupo di Wall Street, o gli inventori e “spacciatori” dei derivati (mutui subprime, CDO, CDS ecc.), chiari esempi di come fare denaro e in fretta, per poi scaricare tutto il peso del RISKIO sul risparmiatore che venendo martellato, dalla pubblicità e dai vari passa parola, per entrare nel “giro dei facili guadagni” ha dalla sua la colpa di essere avido (greed) e non passare per l'unico stupido al mondo che non fa parte del “parco buoi”. 

Oltre a ciò una buona fetta di responsabilità ce l'hanno anche gli organi di controllo, negli USA la SEC, in Europa l’Autorità bancaria europea (ABE), l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (European Securities and Markets Authority, ESMA)  ed  in Italia la CONSOB, e solo per strapparvi un piccolo sorriso, forse un po' amaro, vi racconto un aneddoto degli anni 2000: la SEC, al suo interno, ha scoperto che vari addetti ai controlli del mercato, anziché monitorare le transazioni guardavano i film a luci rosse, percependo uno stipendio di 120.000 dollari l'anno. 

Mi pare sia giunto il momento di dare il via ad una massiccia campagna d'informazione sul risparmio e su chi lo detiene e gestisce che dovrebbe coinvolgere tutti partendo dalle elementari fino alle Università Popolari. Poi, tanto per insistere, sarebbe bene che chi amministra le banche ed il risparmio [In economia, la rinuncia a consumare una parte del reddito netto; anche, la parte di beni non consumati e il loro equivalente monetario: r. reale (o in natura); r. monetario] che è già stato tassato, si dotasse di una polizza di assicurazione per gli eventuali “incidenti” che potrebbero esserci durante lo svolgimento del proprio mandato e se ce l'hanno le autovetture non vedo perché non debba essere resa obbligatoria per gli amministratori delle banche. 

Per concludere, mi piacerebbe tanto che ciò che non è regolamentato subisse una tassazione immediata e non trovasse persone che dicono che certi “prodotti”, classati al mercato del risparmio: “sono immorali, ma non illegali” perché così diamo adito al furfante di turno di depredare i risparmiatori dimostrando che siamo in presenza di mercati non regolamentati e poco monitorati dove gli squali attaccano ferocemente le sardine solamente perché sono in branco e sono più facili da prendere. Scusate lo sfogo, ma “quanno ce vò, ce vò” (Trilussa).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bitcoinderivatirisparmiatorisilicon valley bankvigilanza





in evidenza
Affari in rete

MediaTech

Affari in rete


motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.