A- A+
Economia
Transizione energetica, green bond sempre più strategici: ecco perchè

Green bond: ruolo strutturale per finanziare la transizione energetica in Italia

I green bonds si apprestano a giocare un ruolo crescente e strutturale nel finanziare lo sviluppo delle infrastrutture essenziali alla transizione energetica in Italia. Una misura della loro rilevanza attesa è rintracciabile negli obiettivi fissati da alcune delle principali aziende italiane che operano nel settore utilities, storicamente il settore più coinvolto nelle emissioni di green bonds, in merito alla quota di debito sostenibile, così come nell'elevato livello di allineamento alla tassonomia climatica europea, in particolare all'obiettivo di mitigazione del cambiamento climatico, dei loro investimenti di capitale.

LEGGI ANCHE: Terna, emesso con successo green bond da 850 milioni di euro

Alla fine del 2023, il 64% del debito finanziario lordo di Enel, ad oggi il principale emittente di green bonds a livello mondiale, era composto di emissioni sostenibili, con un obiettivo di raggiungere circa il 70% entro il 2026. In parallelo, l'azienda ha l'obiettivo al 2025 di raggiungere una quota di investimenti di capitale allineati alla tassonomia climatica europea superiore all'80%.

In modo analogo, A2A nel piano strategico 2024-2035 ha fissato l'obiettivo di avere oltre l'80% di debito sostenibile al 2026 e il 100% al 2035. L'azienda ha un piano di capex da 22 miliardi da investire nei prossimi 12 anni, di cui il 49% è allineato alla tassonomia ambientale europea.

Terna, dalle cui infrastrutture dipende il successo della transizione del sistema elettrico italiano verso fonti rinnovabili, ha pianificato di investire 21 miliardi tra il 2023 e il 2032 e di questi il 99% è allineato all'obiettivo di mitigazione della tassonomia ambientale europea.

Ne deriva che una quota significativa di questi investimenti verrà finanziata tramite emissioni di strumenti di debito sostenibili, tra cui i green bonds, che sono gli strumenti più affidabili in termini di verifica sull'utilizzo dei proventi e sul raggiungimento degli obiettivi ambientali dichiarati.

All'interno di questa tendenza strutturale, che vede i green bonds come uno strumento naturale per il finanziamento delle strategie di transizione, soprattutto nel settore utilities, se la politica monetaria dovesse iniziare ad incanalarsi lungo una traiettoria di allentamento, questo potrebbe ovviamente incrementare l’attrattività per gli emittenti e complessivamente ridurre il costo del finanziamento dei complessi progetti a lungo termine che riguardano la transizione energetica.

Luca Vallarino, responsabile Trading Desk e gestore e membro del Comitato Investimenti di IMPact sgrLuca Vallarino, responsabile Trading Desk e gestore e membro del Comitato Investimenti di IMPact sgr
 

Dario Mangilli, Head of Sustainability di IMPact sgr.Dario Mangilli, Head of Sustainability di IMPact sgr.
 

*Vallarino è responsabile Trading Desk e gestore e membro del Comitato Investimenti di IMPact sgr, e Mangilli, Head of Sustainability di IMPact sgr






in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


motori
NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.