A- A+
Economia
Venezuela, il bolivar perde altri sei zeri e nasce già morto
Lapresse

Il 95% dei venezuelani è attualmente povero ma, fra due giorni lo sarà ancora di più. Infatti tra 48 il bolivar, la moneta disgraziata dell’epoca di Nicolas Maduro, dopo aver aggiunto un paio di nomi, e cioè forte e digitale, adesso perderà altri sei zeri.

Il paese è abituato a questi tagli e ritagli ma in ogni caso le strade delle maggiori città sono in fermento.

Perchè cosa succederà con questa ennesima capriola monetaria del dittatore che qualche tempo fa si inventò il petro, una cripto valuta legata al petrolio?

Di certo tutto sarà più costoso. Le banche, chiuse per due giorni di reset, si ripresenteranno  con il nuovo bolivar , più leggero senza i 14 zeri persi in 13 anni di vita contrastata.

Pagare è un termine che, in Venezuela, significa complicazione e questa volta la nuova svalutazione si complica maggiormente perchè adesso nel paese sta circolando il dollaro americano che sta creando squilibri tra chi riesce ad averne e chi no.

Qualcuno però, al di fuori del paese, competente e non obnubilato dal fumo sparso dal Governo Maduro, stronca decisamente la politica economica. “Questi sono cambiamenti soltanto di facciata. Non c'è nulla di fondamentale qui "conferma Daniel Osorio, presidente della società di consulenza Andean Capital Advisors di New York,”Non esiste una politica monetaria o fiscale seria e organizzata. E’ solo una totale improvvisazione per cercare ,senza riuscirci, a fermare un’iperinflazione senza pari al mondo”.

L'inflazione venezuelana è qualcosa di impossibile da misurare e riflette una crisi di fiducia nelle autorità. Si cerca con questa operazione di rimuovere gli zeri da una valuta per farla sembrare migliore, in modo che l'iperinflazione non sia evidente, ma all' iperinflazione non importa quanti zeri ha la valuta di un paese. Le persone continuano ad avere meno soldi e meno capacità di spesa quotidiana.

L'ultima riconversione che ha eliminato cinque zeri è stata nel 2018 ma le nuove banconote, con il volto dell'eroe latinoamericano Simón Bolívar si differenziavano dalle precedenti soltanto dagli zeri e il colore ma velocemente hanno perso il loro valore soffocate dal mostro inflattivo.

Dopo 15 anni di controllo dei cambi, nel 2019 l'economia del paese è stata liberalizzata e il dollaro circola legalmente mentre i bolívares sono sempre più carta straccia. E il bisogno aguzza l’ingegno. Alcune aziende hanno iniziato a pagare con moneta elettronica, attraverso un nuovo servizio bancario. Un complicato processo ripetuto in tutte le commissioni e spese quotidiane.

Alla fine comunque la voce comune che circola sul nuovo conio è che ” la nuova moneta non è ancora nata e sta già morendo a causa della super crescita dell’inflazione delle ultime settimane”.

Un esempio su tutti : per l’autobus a Caracas ci vogliono 25 centesimi, o un milione di Bolivar. Ma anche a questi importi, i Bolivar sono insufficienti e le persone sono costrette a pagare in dollari.

Un’economia allo sfacelo e una vita drammatica per tutti i venezuelani.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    venezuelabolivarmaduronicolas maduroinflazione
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.