A- A+
Economia
Azioni, obbligazioni, commodity... Il portafoglio con lo yuan basso


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"In questo momento, visto che siamo quasi a Ferragosto, non è il caso di smobilizzare i propri investimenti o di fare particolari cambiamenti al proprio portafoglio". Gianluca Verzelli, vice-direttore centrale di Banca Akros, analizza per Affaritaliani.it la raffica di svalutazioni dello yuan da parte della banca centrale cinese e spiega come comportarsi sui mercati finanziari. "La notizia della svalutazione dello yuan è assolutamente inattesa. Si tratta del  classico elemento a sorpresa che avviene a Ferragosto. Tutti erano concentrati sulla Grecia, sulla situazione in Ucraina ed è arrivata improvvisa questa novità da Pechino. E' un elemento molto particolare che riguarda i flussi di cambio e le grandi valute internazionali. Le ripercussioni si hanno su import ed export e gli effetti si valuteranno in un arco di tempo ampio. Questa deve essere una fase di riflessione per capire le motivazioni serie che hanno portato alla svalutazione dello yuan. C'è veramente una debolezza dell'economia cinese? Bisogna anche capire che tipo di segnali politici vengono lanciati verso le altre economie, come quella americana".

"A livello macro gli economisti in questi giorni hanno detto tutto e il contrario di tutto. Consiglio di non modificare la propra allocation, anche perché ancora non si campiscono i contorni di questa operazione delle autorità cinesi", afferma Verzelli.

IL PORTAFOGLIO - "La scelta migliore è sempre quella di un buon mix. Per un portafoglio bilanciato-moderato l'equity è diventato un elemento ineludibile, anche perché i bond rendono poco o nulla. In questo momento è difficile ipotizzare un'ulteriore crescita delle economie e quindi degli utili aziendali. La crescita si sta raffreddando. Non esiste una soluzione per mettersi al riparo. Le azioni, visti anche i segnali che arrivano dalla Cina, non danno più quella certezza di crescita degli utili che c'era a inizio anno. Le obbligazioni, come detto, rendono poco ma vanno tenute in portafoglio, senza esagerare con le azioni. Ripeto, l'unica cosa da fare a Ferragosto è stare fermi, anche perché questa crisi cinese, unita alla bolla speculativa, potrà avere un impatto sull'equity".

E le commodity? "Chi ha avuto una fede incrollabile nell'oro è rimasto scottato. All'occhio del risparmiatore le commodity sono fortemente speculative e in un momento di estrema volatilità consiglio di non aggiungere il rischio cambio che c'è su questo tipo di investimenti. Le commodity sono soggetti a forti oscillazioni e di solito sono adatte ad investitori professional e a portafogli complessi. Ad agosto meglio star tranquilli".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gianluca verzelliyuancinasvalutazionepechinomercatibondequity
i più visti
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani


casa, immobiliare
motori
WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”

WRC, Pirelli: “Tante incognite per la prima stagione ibrida”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.