A- A+
Spettacoli
Pechino Express tra i concorrenti Andrea Pinna:"Non guardo la TV"

di Sabrina Antenucci @SabrinaAnte 

Una strana intervista, questa. Due persone che non guardano la televisione che parlano di un programma televisivo. Anzi, c’è di peggio: due persone che vivono e lavorano in rete, che non hanno mai visto un reality show e che parlano di televisione.

Andrea Pinna è quello che potremmo definire una star del web. Il suo “Le Perle di Pinna” è seguito da quasi 300mila persone, più i follower di twitter e i più di 200mila fans di Instagram. Due libri; collaborazioni che vanno da Happiness a Yamamay a Carpisa, passando per la cucina di Simona Ventura e il divano del Rolling Stone; magliette, pigiami, cover;  insomma, un ragazzo di successo. Una carriera nata quasi per caso da un profilo facebook che è diventato di colpo una fucina di idee e di frasi ironiche che si sono diffuse in rete in maniera virale, qualche passaggio in radio. Fino a ieri, quando la Rai ha diffuso i nomi dei partecipanti alla prossima edizione di Pechino Express. Pinna salta all’occhio, unico partecipante “nativo digitale”, come vengono definiti adesso i protagonisti del web; in coppia (gli “antipodi”) con Roberto Bertolini, il suo personal trainer.

La prima domanda, quando lo incontro, sorge spontanea: Andrea, ma cosa ci vai a fare a Pechino Express proprio tu, che non hai mai guardato un reality? E poi, perché sei passato dalla rete alla televisione?

Guarda, Pechino Express non è un reality show. E’ un adventure game. (Iniziamo bene… ndr) ed è vero che non amo particolarmente la televisione, ma è il modo più azzeccato per farmi conoscere. Negli ultimi 4 anni sono entrato in contatto con un mare di persone, ma se non mi si conosce personalmente la mia ironia può sembrare acida, o cattiva. Quando mi si sente parlare “dal vivo” si capisce che è solo un modo di scherzare, il mio, che non nasconde nessun doppio fine o nessuna cattiveria. E poi non conosco altro modo per capire se il mondo dello spettacolo possa piacermi o meno che quello di fare un programma in televisione. Pechino Express è il massimo, non poteva capitarmi occasione migliore. 

Ho letto un tuo post in cui racconti che tua mamma ti ha sconsigliato di accettare.

(Ride) E’ vero. Mia mamma sa che non sono in grado di cavarmela in un mondo civilizzato in mezzo ai confort che tutti noi abbiamo, figurati in un continente sconosciuto, in paesi meno ricchi del nostro e con tutte le difficoltà che andrò ad affrontare. 

Perché Pechino Express e non un reality meno estremo?

Perché “Pechino” è un adventure game dove la gente non si aspetta di vederti fare sesso, litigare, perdere la testa. E’ un gioco che tira fuori il meglio di te, nessun partecipante delle scorse edizioni è mai uscito male da questa trasmissione; mi sembra sia il modo migliore per farmi conoscere e apparire per quello che sono. 

Ci racconti della “strana coppia”? 

Ci chiamiamo gli “antipodi”, ci hanno scelti apposta. Lui è alto due metri, muscoloso; io sono molto più basso e gracilino. Poi lui è timido e io sono molto più esuberante, lui sembra buono e io cattivo - e magari non è vero -; diciamo che esteticamente e non solo siamo agli antipodi. Il nome è proprio azzeccato.

Ma come ti è venuto in mente proprio il tuo personal trainer?

La produzione mi ha suggerito una persona molto diversa da me: muscoloso, alto, con un fisico imponente. Ho immediatamente proposto Roberto, era una scelta naturale. Il suo provino è durato pochissimo, li ha conquistati immediatamente: è un soggetto esilarante. Ti dico solo che ascolta solo Ivana Spagna, puoi immaginare un gigante muscoloso che in palestra canticchia le sue canzoni. Il resto lo vedrai su Rai2!

Cosa ti aspetti da Pechino Express? Speri di vincere?

No, non me lo aspetto. Spero di durare il più a lungo possibile ma mi rendo conto che già fisicamente parto svantaggiato. Mi aspetto però di conoscere i miei limiti reali, magari ne ho meno di quanto io stesso possa immaginare. Poi ho una richiesta da fare al programma: mi piacerebbe che questa esperienza faccia capire a chi mi conosce, e anche a chi non mi conosce, la chiave di lettura con cui vanno lette le cose che io scrivo. Tanti si offendono ancora, senza ragione.

Come farai senza telefono, rete, internet, instagram?

Non lo so, ma sono curioso. Poi su instagram avrei una considerazione da fare, magari in un’altra intervista…

 


 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pechinoexpress-andreapinna-televisione-rai
in evidenza
Juventus, è fatta per Vlahovic Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

Calciomercato

Juventus, è fatta per Vlahovic
Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

i più visti
in vetrina
Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"

Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"


casa, immobiliare
motori
Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International

Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.