A- A+
Esteri
Boris Johnson chiede un titolo nobiliare per il padre, accusato di molestie
Boris Johnson (Lapresse)

Boris Johnson al centro delle polemiche: la lista di candidati alla categoria dei pari presentata alle sue dimissioni è la più lunga mai compilata da un capo di governo uscente

Boris Johnson, l'ex primo ministro del Regno Unito, noto come BoJo, è al centro di una polemica per la lunghissima lista che ha presentato al momento delle sue dimissioni. È tradizione, infatti, che il premier uscente compili una lista con i nomi delle personalità a cui dare l'accesso alla cosiddetta categoria dei pari, trasformadoli cioè in duchi, marchesi, conti, visconti e baroni

Le accuse di molestie sessuali a carico del padre di Boris Johnson, Stanley

Nella sua lista, Johnson ha inserito 100 personalità  a cui assegnare un titolo nobiliare, tra cui il padre Stanley Johnson, accusato di molestie sessuali da Caroline Nokes, ex ministro durante il governo di Theresa May, e dalla giornalista Ailbhe Rea, firma del New Statesman.

Nokes ha raccontato che, durante il congresso del partito conservatore a Blackpool nel 2003, Stanley Johnson le ha dato delle "pacche sul sedere, più forte che poteva" e le diceva "Oh, tu hai un bel seggio".

Il padre dell'ex premier inglese, che è stato europarlamentare dal 1979 al 1984, ha detto di non avere "nessun ricordo" di quel presunto episodio di molestie.

Ma non finisce di dirlo, che anche la giornalista Rea lo accusa: "Mi ha palpeggiata ad una festa in occasione del Congresso dei conservatori del 2019".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
boris johnsoncategoria dei pariregno unito





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.