A- A+
Esteri
Cina: la riforma fiscale di Xi fa tremare il lusso, made in Italy compreso

Da una parte la "prosperità comune", dall'altra il contrasto al cambiamento climatico. I beni di lusso inquinanti rischiano di finire in mezzo a una doppia tenaglia in Cina. Il presidente Xi Jinping ha annunciato ad agosto che a breve verrà introdotta una riforma fiscale. I contenuti non sono ancora stati svelati ma lo saranno presto, in occasione del sesto plenum del Partito comunista cinese in programma tra l'8 e l'11 novembre prossimi. Quattro giorni durante i quali prenderà forma la visione di Xi sul futuro della Repubblica Popolare. Una visione nella quale non c'è più spazio per sviluppo incontrollato e dovrà esserci sempre meno posto anche per le emissioni non in linea con gli obiettivi ambientali di Pechino.

Cina, i brand del lusso (compresi quelli del Made in Italy) temono la riforma fiscale di Xi

Ecco perché, come spiega Bloomberg cercando di anticipare alcuni dei contenuti della riforma fiscale che si sta in realtà discutendo in queste settimane prima dell'annuncio in pompa magna durante la plenaria del Partito, ci aspetta che verranno aumentate in maniera significativa le tariffe su tutti i beni e i prodotti che comportano un'alta quantità di emissioni inquinanti oppure un forte consumo di energia. I marchi internazionali di lusso e abbigliamento, compresi quelli italiani, attendono con ansia. Anche perché l'immenso mercato cinese rappresenta ormai una fonte di ricavo insostituibile e indispensabile per la maggior parte delle boutique mondiali e made in Italy. Basti ricordare quanto accaduto qualche tempo fa con D&G ma non solo. I produttori di beni di lusso sanno che in Cina ci devono stare e lo share di quel mercato sul totale delle entrare è in costante aumento. 

Ecco perché ora da perdere ci sarebbe tanto. Non si tratta dell'unico settore a rischio. Xi ha operato una stretta su diversi comparti. A partire da quello tecnologico, passando per quello dell'entertainment e per arrivare ovviamente a quello immobiliare. Pechino non vuole più sviluppo incontrollato, investimenti a debito ad alta esposizione di rischio, concentrazione di dati e di potere nelle mani delle piattaforme digitali. E allo stesso tempo non vuole neppure ostentazione di ricchezza e comportamenti giudicati "immorali". Tutto ruota intorno alla retorica della redistribuzione della prosperità, che dovrà diventare comune entro il 2050, dice Xi. 

Commenti
    Tags:
    beni di lussocinagreen economy





    in evidenza
    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    Analogie tra bandiere in panca

    Fenomeno De Rossi, profeta a Roma. Come Gattuso da mister al Milan

    
    in vetrina
    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

    Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


    motori
    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    DS Automobiles, ordinabili in Italia le nuove Hybrid: DS 3 e DS 4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.