A- A+
Esteri
Cina, stop a qualsiasi indagine sul virus di una OMS arrogante

“L’OMs è arrogante e non accettiamo nessuna indagine sull’origine del Covid-19” così la risposta secca del viceministro della Salute, Zeng Yixin a nome del governo cinese.

La Cina ha rifiutato il piano dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per indagare ulteriormente sull'origine del Covid-19 ed in particolare sulla teoria che il virus sia riuscito a fuggire da un laboratorio.

Zeng si è dichiarato molto sorpreso del fatto che l'OMS abbia proposto un ritorno a Wuhan per la missione che tra gennaio e febbraio di quest'anno aveva già visitato la città dei primi casi di Covid nel mondo.

“Per certi aspetti-ha detto il viceministro-il piano dell'OMS per la prossima fase di indagine sull'origine del Coronavirus non rispetta il buon senso e va contro la scienza. È impossibile per noi accettare quel piano”.

La missione internazionale delle Nazioni Unite di ritorno da Wuhan a gennaio di quest'anno aveva redatto il suo rapporto, in cui riteneva che l'ipotesi "più probabile" sull'origine del Covid fosse il salto del virus da un animale ( forse, un pipistrello) all’uomo attraverso una terza specie che fino ad ora non è stata determinata. Il rapporto riteneva "altamente improbabile" la teoria di una fuga di laboratorio.

Ma già alla presentazione del documento conclusivo il 30 marzo, il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Gebreyesus, non era soddisfatto a causa della scarsità dei dati che la Cina aveva fornito agli scienziati. Secondo il numero uno dell’OMS l'ipotesi della fuga da un laboratorio meritava ulteriore attenzione.

Già allora aveva annunciato che avrebbe consigliato il ritorno degli esperti a Wuhan per approfondire le indagini ed esaminare nel dettaglio la teoria della fuga del virus.

Da allora, diversi paesi occidentali, in primis gli Stati Uniti, hanno messo in dubbio la credibilità del rapporto originale e hanno chiesto l'invio di una nuova missione per studiare meglio il caso.

A fine maggio il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha ordinato uno studio ai suoi servizi di intelligence per valutare la possibilità che l'origine del Covid fosse in un laboratorio, dando loro tre mesi per una risposta. Il 9 giugno anche l'Unione Europea ha dichiarato di voler appoggiare l’iniziativa del presidente americano.

La scorsa settimana Tedros Adhanom Gebreyesus ha proposto che la seconda fase dell'indagine sull'origine del Coronavirus possa includere nuove indagini degli esperti dell'OMS all'interno della Cina, compresi "controlli di laboratori o istituti di ricerca attivi nella regione in cui sono stati identificati i primi casi di Covid".

E’ sicuramente importante investigare per stabilire se la pandemia possa avere avuto origine in un laboratorio cinese.

L'OMS ha successivamente sottolineato che ciò che viene chiesto alla Cina è "trasparente, aperto e cooperativo, soprattutto nella richiesta di informazioni già chiesti nei primi giorni della pandemia".

Pechino  è assolutamente contraria in quanto è convinta che dietro questa ipotesi ci siano motivazioni politiche. Il governo cinese è d’accordo sul fatto che le indagini sull'origine della pandemia debbano continuare, sì, ma in altri Paesi, come ad esempio il laboratorio militare statunitense a Fort Derrick.

Unica verità è che gli oltre 4 milioni di morti per Coronavirus non sapranno mai perchè sono morti e chi è stato a far nascere o scappare un virus così subdolo, potente e letale.

Commenti
    Tags:
    omscinacovid-19coronaviruslaboratoriowuhan
    in evidenza
    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    Politica

    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.