A- A+
Esteri
Coronavirus, Axa costretta a rimborsare ristoratore per le perdite da lockdown

Una piccola storia che può diventare una storia più grande. Il tribunale del commercio di Parigi ha imposto al gruppo assicurativo Axa di risarcire Stephane Manigold, un ristoratore della capitale francese per le perdite registrate durante i due mesi di quarantena, durante i quali è stato costretto a chiudere la sua attività. Lo ha reso noto il legale del ristoratore.

Mai prima d'ora in Francia, spiega Agenzia Nova, era stata emessa una simile sentenza, che era molto attesa dal settore assicurativo e della ristorazione. "E' una vittoria collettiva", ha detto Manigold, che possiede quattro ristoranti a Parigi. Axa sosteneva che i suoi contratti non prevedevano la copertura per la perdita dei ricavi causata da provvedimenti ministeriali "che consistono nel vietare in modo generale l'accesso al pubblico di certi luoghi per lottare contro la propagazione di un virus". 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusaxaristoratore
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.