A- A+
Esteri
Covid-19, il miracolo del Cile 21 giorni tre milioni di vaccinati

Il Cile ha iniziato a vaccinare contro il Covid-19 il 3 febbraio e in meno di 21 giorni più di tre milioni di persone hanno già ricevuto almeno una dose, pari al 16% della popolazione del Paese che ha 19 milioni di abitanti.

La percentuale non solo supera di gran lunga i suoi vicini, come Argentina (1,65%), Brasile (3,43%) e Messico (1,4%), ma è anche superiore a quella di paesi come Spagna (9, 59%) e molto vicina a Stati Uniti(19,44%). Per dosi di vaccini e velocità dell'operazione (oltre 1.300 centri sul territorio), il Paese sudamericano è un esempio virtuoso a livello regionale e globale.

Persino Messico, Colombia, Perù, Uruguay e Paraguay hanno chiesto una mano alle autorità cilene.

Quali i segreti di questo successo?

Un mix di elementi storici e congiunturali: in primis la forza della sanità di base dagli anni '50, poi la capacità commerciale di una delle economie più aperte al mondo ed infine l’abilità di contrattazione dello stesso presidente, Sebastián Piñera, esperto uomo d'affari. Il suo governo (2018-2022) prevede ora  di vaccinare 15 milioni di persone in questo primo semestre e di ottenere l'immunità per la popolazione cilena entro la fine di giugno.

Nel maggio dello scorso anno Piñera ha chiesto al sottosegretario alle Relazioni economiche internazionali di dedicarsi esclusivamente alla chiusura degli accordi con i laboratori. Da allora l’avvocato Yáñez ha guidato i negoziati, in contatto diretto con il presidente. Poco prima dell'arrivo delle prime dosi del cinese Sinovac, Piñera ha parlato direttamente con Xi Jinping per saltare i problemi burocratici.

Pragmatismo e pluralità di accordi sono stati particolarmente vantaggiosi alla luce dei ritardi nelle consegne. Il governo ha sempre avuto un motto: il perfetto è nemico del bene e gli accordi devono essere raggiunti rapidamente, perché altri paesi sono in lista d'attesa per firmare i negoziati.

In Cile, ad esempio, non c'erano prove cliniche dell'americana Pfizer, ma si trattava già delle prime 20.000 dosi arrivate nel Paese il 24 dicembre. Con loro, sono stati vaccinati i funzionari sanitari che lavoravano nelle unità di pazienti critici (UPC). Inoltre, sono state impegnate 10 milioni di dosi, dedicate alle vaccinazioni nel primo semestre.

Una tattica diversa è stata adottata con Sinovac, perché le sperimentazioni cliniche condotte dal laboratorio in Cile, finanziato dal Paese sudamericano, hanno facilitato la disponibilità del vaccino. In quel caso, però, sono stati negoziati i prezzi e un programma ambizioso che consentirà la consegna di 60 milioni di dosi in tre anni. Dei vaccini Sinovac, sono già arrivate due spedizioni con circa quattro milioni di dosi. Fondamentale in questo processo è stato l'accordo di collaborazione firmato dalla prestigiosa Università Cattolica del Cile con il laboratorio cinese.

Da Oxford / AstraZeneca, il Cile si aspetta circa cinque milioni di vaccini, con una prima spedizione tra aprile e maggio prossimo. Parallelamente, il governo Piñera sta cercando di ampliare il contratto con la cinese Sinovac, negozia con CanSino, società cino-canadese che conduce anche sperimentazioni cliniche in Cile, e conduce colloqui avanzati con lo Sputnik V russo.

Secondo i dati del ministero della Salute, da martedì scorso sono state vaccinate 3.037.063 persone. In un solo giorno, il Cile ha la capacità di vaccinare 87.264 persone, come è successo l'ultimo giorno, ma il ritmo crescerà. Finora, la maggior parte dei cittadini sopra i 65 anni è stata immunizzata con la prima dose. Dalla prossima settimana inizieranno a ricevere la seconda, perché saranno trascorsi 28 giorni dalla prima.

Questo mercoledì è stato annunciato che nuove spedizioni stanno arrivando sia da Sinovac che da Pfizer, così che venerdì saranno disponibili circa nove milioni di dosi. Consentiranno di progredire con l'immunizzazione dei 250.000 insegnanti, dei malati renali che necessitano di dialisi e delle persone tra i 60 e i 64 anni. Quindi, l'8 marzo, i malati cronici, indipendentemente dalla loro età.

Il Cile ha 30 accordi commerciali in vigore con i principali paesi del mondo. Pertanto, sebbene sia un paese piccolo, è molto inserito nella scena economica globale e dispone di una forte macchina per il commercio estero che si è attivata in tempo per negoziare i vaccini.

Un ulteriore elemento è stato cruciale nella strategia: il Cile non è rimasto invischiato nella burocrazia ed è riuscito a prendere decisioni rapide.

Per il processo di vaccinazione, nel frattempo, era previsto un budget di 200 milioni di dollari, anche se il ministero degli Affari esteri stima che potrebbero essere necessari altri 100 milioni di dollari. Nel governo, tuttavia, non ritengono che il denaro sia stato un fattore rilevante per spiegare il successo della strategia, perché non sono somme irraggiungibili per altri paesi simili nella regione.

Il primo caso di Covid-19 in Cile è stato rilevato quasi un anno fa, il 3 marzo 2020. Da allora, su una popolazione di 19 milioni di abitanti, 805.317 sono stati contagiati e almeno 20.151 persone sono morte. Il ministero della Salute teme un aumento dei casi a marzo, al termine delle vacanze estive. Secondo l'ultimo rapporto, rimangono a disposizione solo 186 posti letto  in terapia intensiva. Ma la vaccinazione sembra correre più veloce del virus.

Commenti
    Tags:
    covid-19.vaccinocilesputnik vpfizersinovac





    in evidenza
    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    L'intervista sul Nove

    Chiara Ferragni da Fazio: "Travolta dall'odio social. Con Fedez vera crisi, ma..."

    
    in vetrina
    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

    Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


    motori
    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    RAM Trucks & Pol Tarrés: avventure "Boundless"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.