A- A+
Esteri
Elezioni Portogallo, vince Costa: ai socialisti la maggioranza assoluta

Elezioni in Portogallo, ai socialisti di Costa la maggioranza assoluta

Vittoria a sorpresa per i socialisti del primo ministro portoghese Antonio Costa che hanno ottenuto la maggioranza assoluta per governare dopo aver indetto elezioni anticipate domenica che hanno visto anche enormi guadagni da parte dell'estrema destra, come hanno mostrato i risultati ufficiali. I socialisti al potere hanno ottenuto 117 seggi nel parlamento su 230, rispetto ai 108 dell'assemblea uscente.

In assenza di distribuzione dei quattro seggi dei circoli elettorali al di fuori del Portogallo, che di solito PS e centrodestra (PSD) dividono a metà, così saranno distribuiti i 230 deputati dell'emiciclo portoghese: partito Socialista (PS): 117 deputati. Ottiene la maggioranza assoluta. 

Il partito Socialdemocratico (PSD): 76 deputati, nel 2019 aveva 79 seggi; Chega il partito di estrema destra ottiene 12 deputati, passa dall'avere un solo seggio all'essere la terza forza in Parlamento; Iniziativa Liberale: 8 deputati. Nel 2019 aveva un solo deputato e ora è la quarta forza; bloco de Esquerda (BE): 5 deputati. Una delle grandi vittime aveva 19 deputati e PCP (comunisti): 6 deputati. Scendono anche loro, nel 2019 ne avevano 10.

Chi è il premier vincente socialista Antonio Costa 

Il premier portoghese Antonio Costa vince e va avanti: il socialista che ha esordito in politica a soli 21 anni e che è già uno dei volti più carismatici della politica portoghese, ha infatti superato la sua ennesima crisi. E stavolta l'instancabile l'uomo politico che riuscì a ribaltare una sconfitta nel 2015, formando un governo con un'inedita alleanza di sinistra.

Ha messo a segno una vittoria tutt'altro che scontata, visto il fallimento del suo ultimo governo: era 'scivolato' sull'approvazione della legge di bilancio e un'estenuante pandemia; ha vinto le elezioni con un'ampia maggioranza e che i sondaggi davano in bilico. Il voto è stato però anche segnato da un avanzamento dell'estrema destra e non rimuove lo spettro dell'instabilità politica.

Abbandonato a ottobre dai suoi ex alleati della sinistra radicale, una crisi che ha innescato il voto, Antonio Costa rischia però, come nelle legislative del 2019, di rimanere al di sotto della maggioranza assoluta.

E dunque per poter governare, l'ex sindaco di Lisbona sessantenne dovrà trovare un difficile equilibrio per trovare sostegno in Parlamento. Quando sono state scrutinate il 56% dei voti, il Partito Socialista di Costa, che governa dal 2015, è al 42%; sotto il 30% restano i conservatori del Partito socialdemocratico, guidati da Rui Rio e che i sondaggi davano invece testa a testa con i socialisti. 

La carriera politica 

Socialista pragmatico, Costa è arrivato al potere grazie alla sinistra radicale, formando la 'geringonça' ("il marchingegno' in spagnolo), l'accordo tra il PS, i comunisti e il Bloco de Esquerda: erano state superate le divisioni pur di porre fine alla politica di austerity voluta dalla destra in cambio del piano di salvataggio internazionale concesso al Portogallo nel 2011.

Nel 2019 ha consolidato e riconfermato la vittoria con una maggioranza semplice: ha abbandonato la 'geringonça', ma a ottobre non è riuscito a far approvare il bilancio 2022.  E se nel 2019, dopo quattro anni con il sostegno della "geringonça", era evidentemente il favorito nei sondaggi, questa volta i sondaggi lo davano in stallo tecnico con la destra dei socialdemocratici.

Costa è entrato precoce in politica: figlio di uno scrittore comunista dell'ex colonia portoghese di Goa (in India) e di una giornalista, il premier, scherzano i suoi collaboratori, "ha bevuto la politica nel latte di sua madre". A 14 anni incollava per strada i manifesti del Partito Socialista, poi decise di studiare legge per essere come Perry Mason.

Marcelo Rebelo de Sousa, oggi presidente del Portogallo, era il suo professore all'università; ha debuttato come avvocato nell'ufficio dell'ex presidente Jorge Sampaio ed è stato sponsorizzato dai grandi del socialismo portoghese, da António Guterres a Mário Soares e José Sócrates.

Sposato, la moglie lo ha accompagnato per tutta la campagna, e con due figli, ora il leader socialista, noto per essere un lavoratore instancabile, ha davanti a sé una nuova sfida: guidare il Portogallo sulla via della ripresa dopo la pandemia. 

LEGGI ANCHE

L’obbligo vaccinale comincia a scricchiolare
Cure negate, Grimaldi dopo il Tar: “dimettetevi tutti”
Troppi giovani morti nel secondo semestre del 2021
Commenti
    Tags:
    costaelezioniportogallo





    in evidenza
    Affari va in rete

    MediaTech

    Affari va in rete

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

    DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.