A- A+
Esteri
Elezioni Taiwan 2020, Kuomintang: "Serve un rapporto armonioso con Pechino"

Mancano meno di 20 giorni alle elezioni presidenziali e legislative di Taiwan. Dopo una panoramica introduttiva sul voto, Affaritaliani.it propone delle interviste ad alcuni esponenti politici. Dopo il Democratic Progressive Party (DPP) e il più piccolo Green Party. è il turno del Kuomintang con I-Ding Wu, candidata legislativa. Dopo la vittoria al midterm del 2018, il partito nazionalista che fu di Chiang Kai-shek cerca il bis alle presidenziali con il suo candidato Han Kuo-yu. Elezioni che verranno osservate con attenzione anche da Pechino, che considera Taiwan o Repubblica di Cina (oggi riconosciuta da 15 nazioni a livello globale) parte del suo territorio.

I-Ding Wu, qual è la priorità di Kuomintang nel suo piano per Taiwan?

Credo che la priorità sia avere un solido sviluppo economico che includa tutti i cittadini. Senza un'economia forte, non è possibile ottenere finanziamenti adeguati per l'istruzione, l'assistenza sanitaria e la transizione verso l'energia verde.

Qual è il suo giudizio sulle politiche economiche del governo Tsai? Ritiene che la trade war possa avere effetti positivi o negativi su Taiwan?

Taiwan è una piccola isola e le esportazioni svolgono un ruolo significativo nel suo PIL (nel 2018 le esportazioni sono state pari al 66,75% del PIL). Taiwan esporta principalmente prodotti fisici ed esporterà sempre più servizi. Il protezionismo è stata una tendenza recente, ma rappresenta solo un vicolo cieco per un'isola come Taiwan. Unire le zone di libero scambio regionali e stabilire nuovi accordi di libero scambio è la chiave per rafforzare l'economia e opporsi alla Repubblica Popolare Cinese non porta alcun elemento positivo sul tavolo. Nessun nuovo paese può aderire ad un accordo di libero scambio, a meno che tutti i membri esistenti non siano d'accordo. Non riesco a immaginare che i membri esistenti possano escludere la Repubblica Popolare Cinese per accettare Taiwan nell'ambito di un accordo. Ad esempio, i nostri paesi vicini stanno formando gli accordi CPTPP e RCEP e poter aderire è fondamentale per il nostro futuro sviluppo economico. Inoltre, Taiwan ha ampiamente beneficiato dell'ECFA (Accordo quadro di cooperazione economica) firmato con la Repubblica Popolare Cinese (dal 2011 al 2018 Taiwan ha risparmiato 6,32 miliardi di dollari di tariffe grazie a questo accordo mentre la Repubblica Popolare Cinese ha risparmiato solo 560 milioni di dollari americani) e questo accordo dovrebbe essere rinnovato nel 2020. Naturalmente Taiwan può tentare di firmare accordi bilaterali di libero scambio su base nazionale per paese. Ma i nove accordi esistenti dimostrano che non è il processo più semplice: 4 sono stati firmati dal presidente DPP Chen (Panama, Guatemala, Nicaragua, El Salvador / Honduras), 3 dal presidente KMT Ma (ECFA, Nuova Zelanda, Singapore), e 2 dall'attuale presidente DPP Tsai (Paraguay, Eswatini).

Taiwan ha bisogno di un nuovo dialogo e di una migliore relazione con la Repubblica Popolare Cinese?

La principale differenza tra il KMT e il DPP è che il KMT ritiene che un rapporto armonioso con la Repubblica Popolare Cinese sia la migliore politica per Taiwan, mentre il DPP ritiene che Taiwan possa opporsi alla Repubblica Popolare Cinese. Non credo che opporsi alla Repubblica Popolare Cinese sia il modo più saggio di procedere. L'economia di Taiwan ha sofferto a causa di cattive relazioni con la Repubblica Popolare Cinese.

Screenshot 20191220 110240I-Ding Wu
 

In che modo KMT intende rilanciare l'economia di Taiwan e come intede favorire gli investimenti esteri?

Sarà estremamente difficile vendere beni e servizi da Taiwan se la maggior parte dei nostri vicini ha accordi di libero scambio e Taiwan non ne fa parte. Se Taiwan si escludesse in questo modo, chiuderebbe le porte all'attrazione di investimenti stranieri o di lavoratori altamente qualificati a Taiwan. Rispetto alle altre cosiddette "tigri asiatiche", vale a dire Hong Kong, Singapore e Corea del Sud, i salari reali a Taiwan hanno faticato a tenere il passo negli ultimi dieci anni. Lo stipendio medio annuo è inferiore alla metà di quello di Singapore. Taiwan ha bisogno di accedere alle economie regionali e globali al fine di migliorare il suo ambiente di lavoro e fornire un futuro tangibile alla giovane generazione di Taiwan.

Di recente ci sono molte discussioni su questioni ambientali e cambiamenti climatici in tutto il mondo. Quale ruolo Taiwan potrebbe svolgere per queste sfide? È necessaria una politica più ecologica e l'energia nucleare può trovare spazio in essa?

Il tasso di cancro ai polmoni a Taiwan è il secondo più alto in Asia (dietro la Corea del Nord) e più della metà dei pazienti sono non fumatori. Gli studi hanno concluso che il fattore principale è l'inquinamento atmosferico. Al fine di rispettare la promessa irrealistica del presidente Tsai di eliminare gradualmente l'energia nucleare entro il 2025, il DPP ha chiuso la nuova centrale nucleare di Taiwan e ha aumentato la produzione nelle centrali a carbone. Di conseguenza, le nostre emissioni di gas serra sono aumentate negli ultimi 3 anni. Nell'indice di prestazione sul cambiamento climatico (CCPI) pubblicato la scorsa settimana, Taiwan raggiunge con l'Arabia Saudita e gli Stati Uniti le tre performance peggiori. Se viaggi in treno da Taipei a nord a Kaohsiung a sud, puoi letteralmente "vedere" l'inquinamento atmosferico con i tuoi occhi. Nel 2018, il 59,49% degli elettori di Taiwan ha espresso il desiderio di mantenere l'energia nucleare prima che qualsiasi alternativa di energia verde sia completamente sviluppata. Il 13 dicembre 2019, i leader dell'UE hanno convenuto che l'energia nucleare farà parte della soluzione dell'Europa per rendere la sua economia neutrale rispetto al carbonio entro il 2050. C'è spazio per l'energia nucleare a Taiwan? Per ora ovviamente sì. Taiwan dovrebbe tenere a mente una politica più verde, ma non può affrettarla eliminando di colpo il nucleare e tornare alla combustione del carbone, contraddicendo questa stessa politica più verde.

Quale potrebbe essere il ruolo di innovazione e start-up nell'economia di Taiwan?

Ho risieduto a Londra nell'ultimo decennio e lì ho assistito al dinamismo del settore delle start-up. Il governo di Taiwan ha sottolineato quanto si preoccupi per questo settore, ma credo che ci sia un enorme spazio di miglioramento, dal fornire alle start-up locali un migliore accesso alle risorse all'incoraggiare le start-up da tutto il mondo a istituire il loro ufficio a Taiwan. A mio avviso, l'aggiornamento della legge in materia di investimenti, raccolta fondi e crowdfunding per le start-up sarebbe un effettivo passo avanti. Questo progetto sarà in cima alla mia lista una volta che mi unirò allo Yuan legislativo.

E' d'accordo con le spese di difesa e militari del governo Tsai?

Concordo con gli importi in materia di difesa e delle spese militari. Anzi, gli investimenti militari durante la precedente presidenza KMT sono stati maggiori rispetto a quanto ha speso il presidente Tsai. Tuttavia, non sono d'accordo su come sono stati gestiti i fondi. Prendiamo il progetto Minehunter. L'intero progetto (costato circa 1 miliardo di dollari) è stato consegnato a una società locale chiamata Qing-Fu, dopo che Qing-Fu aveva prodotto al governo un prestito obbligazionario emesso dalla Kaohsiung Bank. La dimensione iniziale del capitale di Qing-Fu era solo di 16 milioni di dollari, quindi per realizzare il progetto Qing-Fu aveva bisogno di raccogliere fondi per 680 milioni di dollari, il che era quasi impossibile a causa delle sue piccole dimensioni. Tuttavia, Qing-Fu prese in prestito denaro da banche di proprietà del governo, a partire da Kaohsiung Bank, presumibilmente per le sue esigenze operative. Invece, nel corso di un anno, ha usato questo denaro per espandere il suo capitale di 10 volte fino a 160 milioni di USD, e con la sua nuova dimensione dichiarata del capitale, a Qing-Fu è stato quindi offerto il prestito di 680 milioni di USD da un gruppo di banche locali. Quando il progetto fallì, le banche persero un totale di oltre 430 milioni di dollari. I membri del KMT dello Yuan legislativo in quel momento hanno spinto per un'indagine approfondita sulla questione da parte della Commissione di vigilanza finanziaria, ma i membri del DPP si sono fortemente opposti. Quest'anno, una nuova indagine condotta dal parlamento della città di Kaohsiung (il rapporto è stato pubblicato il 12 dicembre 2019) ha scoperto che ci sono stati molti casi di cattiva condotta a livello di comitato esecutivo all'interno della Kaohsiung Bank, il cui principale azionista è il governo Kaohsiung e i cui membri del consiglio di amministrazione in quel momento erano nominati dal DPP. In meno di 4 anni dal DPP al potere, molti scandali simili a questo sono emersi a Taiwan. Spero vivamente che gli elettori di Taiwan l'11 gennaio 2020 puniranno il DPP.

Commenti
    Tags:
    elezioni taiwan 2020kuomintangcinaguomindangelezioni taiwan 2020 sondaggitsai ing wenhan kuo yu
    in evidenza
    Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

    Foto mozzafiato della soubrette

    Wanda Nara, perizoma e bikini
    Lady Icardi è la regina dell'estate

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

    Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.