A- A+
Esteri
Francia, bocciata l'ordinanza anti-Burkini

Il Consiglio di Stato francese, il più alto organo di giustizia amministrativa, ha deliberato di annullare le misure di legge che prevedono il divieto del Burkini, il costume femminile da bagno 'islamico'. in Francia. Dopo la decisione dei sindaci di una quindicina di città della costa mediterranea, di vietare il "costume islamico" sulle spiagge, la Lega per i Diritti Umani aveva deciso di fare ricorso contro la decisione del tribunale amministrativo di primo grado di Villeneuve-Loubet, vicino Nizza. Questo tribunale aveva stabilito che il divieto era "necessario, appropriato e proporzionato" per prevenire disordini pubblici dopo la tragica serie di attacchi jihadisti in Francia, incluso quello sul lungomare di Nizza la sera del 14 luglio. Il burkini sarebbe "passibile di offendere le convinzioni o le non convinzioni di altri utenti della spiaggia" e "percepito come una sfida o una provocazione in grado di esarcerbare la tensione" presente nella comunità. Secondo la Lega per i diritti umani, il divieto invece è "un grave ed illecito attacco contro diversi diritti fondamentali", inclusa la libertà di religione. La decisione del Consiglio di Stato costituirà un precedente legale per le altre città che volessero seguire l'esempio di Nizza.

Nei giorni scorsi ha suscitato scalpore un intervento della polizia a Nizza su caso Burkini. Quattro agenti di polizia sono intervenuti su una spiaggia e hanno ordinato a una donna di rimuovere parte del burkini, il costume da bagno islamico. Le fotografie sono state pubblicate dai media britannici e sono ben presto diventate virali, alimentando un acceso dibattito su Twitter. Gli scatti mostrano la donna vestita con leggings, tunica e velo sdraiata sulla spiaggia quando viene circondata dagli agenti; quindi si vede la donna che si toglie la tunica, rimanendo in canottiera mentre un poliziotto compila quella che sembra essere una multa. La scorsa settimana Nizza è stata solo l'ultima delle località turistiche francesi a vietare il burkini, perchè "manifesta in modo chiaro l'aderenza a una religione in un momento in cui la Francia e i luoghi di culto sono obiettivi di attacchi terroristici". E due giorni una madre di due bambini ha raccontato alla France presse di essere stata multata sulla spiagga di Canne perchè indossava legging, tunica e velo: "Ero sulla spiaggia con la mia famiglia - ha raccontato la donna, identificata con il solo nome di Siam, 34enne - indossavo il classico velo. Non avevo intenzione di fare il bagno". Una testimone, Mathilde Cousin, ha confermato quanto avvenuto: "La cosa più triste è stata che la gente urlava 'torna a casa', alcuni hanno applaudito la polizia. E la figlia è scoppiata a piangere".

Tags:
consiglio di stato islam francia
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.