A- A+
Esteri
Genitori rifiutano l'intervento d'urgenza al cuore del figlio neonato
(Fonte: IPA)

La banca del sangue neozelandese dichiara che eventuali tracce ancora presenti non rappresentano un rischio per i riceventi

Il servizio sanitario della Nuova Zelanda ha presentato una richiesta in tribunale per la tutela di un bambino di quattro mesi i cui genitori si rifiutano di consentire il suo intervento chirurgico urgente al cuore  a meno che non venga utilizzato sangue di persone non vaccinate contro il Covid-19.

I genitori del bambino hanno discusso della situazione di salute del figlio e delle loro preferenze mediche in un'intervista con un attivista anti-vaccinazione.

Nell'intervista i genitori hanno dichiarato che il loro bambino ha una grave stenosi della valvola polmonare e che ha bisogno di un intervento chirurgico "immediatamente", ma che sono "estremamente preoccupati per il sangue che i medici useranno. Non vogliamo sangue contaminato dalla vaccinazione".

Secondo la banca del sangue, NZ Blood, qualsiasi vaccino Covid-19 nel sangue viene scomposto subito dopo l'iniezione. In una dichiarazione, il dottor Mike Shepard, direttore ad interim del servizio sanitario di Auckland, ha detto di sapere che l'eventuale trasfusione di sangue può essere preoccupante per i genitori che hanno un figlio malato e stanno prendendo decisioni su come curarlo, ma che non è un buon motivo per impedire un intervento che può salvargli la vita. 

Il servizio sanitario neozelandese ha depositato documenti presso l'alta corte di Auckland ai sensi del Care of Children Act. Ha chiesto che la tutela del bambino fosse spostata dai suoi genitori ai suoi medici, in modo da poter dare il consenso all'uso del sangue donato.

"La decisione di presentare una domanda al tribunale viene sempre presa tenendo presente l'interesse superiore del bambino", ha detto Shepard. "Poiché la questione è davanti ai tribunali, non commenteremo ulteriormente".

NZ Blood, la banca del sangue neozelandese, ha dichiarato: “Tutto il sangue donato viene anche filtrato durante l'elaborazione, quindi eventuali tracce che potrebbero essere ancora presenti non rappresentano un rischio per i riceventi. In ogni caso, non separiamo né etichettiamo il sangue in base allo stato di vaccinazione Covid-19 di un donatore".

E ha poi aggiunto che non c'erano prove che la precedente vaccinazione anti Covid avesse influito sulla qualità del sangue per la trasfusione.

Una docente di bioetica all'Università di Otago, Josephine Johnstone, ha detto che questo caso è stato particolarmente angosciante per tutte le persone coinvolte, perché c'era un significativo disaccordo tra i genitori e le équipe sanitarie, anche se stavano entrambi cercando di agire nell'interesse superiore del bambino.

"I genitori hanno molta autorità decisionale sulla vita dei loro figli, c'è un'enorme zona di discrezionalità per loro quando devono prendere decisioni anche su questioni mediche. Ma ci sono anche dei limiti, e questo è uno di quei tragici casi in cui il limite ha conseguenze sulla vita e sulla morte".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
covid-19cuoreintervento chirurgicovaccino covid





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.