A- A+
Esteri
Guerra Russia Ucraina, svolta sul grano: c'è l'accordo tra Mosca e Kiev

Guerra Russia Ucraina, la Turchia ottiene la mediazione: c'è l'intesa sul grano tra Mosca e Kiev 

Dopo giorni di continui annunci, arriva il via libera definitivo: i rappresentanti di Ucraina e Russia ratificheranno oggi a Istanbul alle 16.30, 15.30 in Italia,  l'intesa che sbloccherà il trasporto del grano ucraino attraverso i porti del Mar Nero, al momento bloccati dalla marina militare russa. Lo ha annunciato la presidenza turca sul suol sito web. Alla cerimonia parteciperanno il presidente turco, Recep Tayyip Erdoan e il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres

"Accogliamo con favore l'annuncio di questo accordo di principio, ma ora dobbiamo ritenere la Russia responsabile della sua attuazione e far sì che i cereali ucraini possano raggiungere i mercati mondiali", ha commentato il portavoce del Dipartimento di Stato Usa, Ned Price

Guerra Russia Ucraina, svolta sul grano. Coldiretti: "L'intesa salva 53 Paesi dalla carestia" 

Immediato il plauso anche da parte di Coldiretti. "L'accordo raggiunto per la ripresa del passaggio delle navi cariche di cereali sul Mar Nero è importante per salvare dalla carestia quei 53 Paesi dove la popolazione spende almeno il 60% del proprio reddito per l'alimentazione". 

"L'inevitabile indebolimento della produzione agricola ucraina e la paralisi dei porti del Mar Nero hanno sottratto, rileva Coldiretti, un bacino cruciale per l'approvvigionamento alimentare di vaste aree del pianeta. Russia e Ucraina rappresentano, sommate, poco più del 30% delle esportazioni di cereali, oltre il 16% di quelle di mais e oltre il 75% di quelle di olio di semi di girasole, secondo un'analisi del Centro Studi Divulga".

"Tra i più dipendenti dalle esportazioni cerealicole russe e ucraine, ci sono il vicino Egitto che importa il 70% dei cereali dai porti del Mar Nero, il Libano circa il 75% e lo Yemen poco meno del 50%, spiega Coldiretti, la situazione non è molto diversa in Libia, Tunisia, Giordania e Marocco. In molte di queste aree l'esposizione alle fluttuazioni di mercato si combina con l'incremento del costo statale dei sussidi per l'acquisto del cibo, che in questi contesti risulta una pratica molto diffusa".

Il rischio è che, con l'aumento dei prezzi e delle spesa pubblica, la coperta risulti sempre più corta e fette sempre più ampie della popolazione possano restare senza protezione. Non a caso le quotazioni delle materie prime alimentari a livello mondiale sono aumentate del 34% nell'ultimo anno secondo le elaborazioni Coldiretti su dati dell'Indice Fao a maggio. E a tirare la volata sono proprio i prezzi internazionali dei cereali cresciuti del 23,2% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, mentre i lattiero caseari salgono del 19%, lo zucchero aumenta di oltre il 40%.

"Peraltro il blocco delle spedizioni dai porti del Mar Nero a causa dell'invasione russa ha alimentato l'interesse sul mercato delle materie prime agricole della speculazione che, spiega la Coldiretti, si sposta dai mercati finanziari ai metalli preziosi come l'oro fino ai prodotti agricoli dove le quotazioni dipendono sempre meno dall'andamento reale della domanda e dell'offerta e sempre più dai movimenti finanziari e dalle strategie di mercato che trovano nei contratti derivati "future" uno strumento su cui chiunque può investire acquistando e vendendo solo virtualmente il prodotto, a danno degli agricoltori e dei consumatori". 

"Un'emergenza mondiale che riguarda direttamente anche l'Italia, un Paese deficitario ed importa addirittura il 62% del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti, il 35% del grano duro per la pasta e il 46% del mais di cui ha bisogno per l'alimentazione del bestiame, anche se è però autosufficiente per il riso di cui è il primo produttore europeo con oltre il 50% dei raccolti per un totale di circa 1,5 milioni di tonnellate di risone all'anno, anche se quest'anno in forte calo del 30%per effetto della siccità e degli alti costi di produzione", conclude Coldiretti. 

Guerra Russia Ucraina, riparte il Nord Stream: il flusso di gas russo torna al 40% 

Sul fronte del gas, riparte il flusso dal Nord Stream. "Se si estrapolano le prime quattro ore di flusso di gas dal Nord Stream 1 nella giornata, si arriva a circa 700 GWh/giorno e il livello di pre-manutenzione del 40%. Ma alla luce del 60% mancante e dell'instabilità politica, non c'è ancora motivo per il quale possa dire che sia tutto chiaro", ha comunicato ieri il presidente dell'Agenzia federale tedesca delle reti. 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    granoguerra ucraina





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Abarth Celebra 75 Anni di passione e performance: la mostra esclusiva a Torino

    Abarth Celebra 75 Anni di passione e performance: la mostra esclusiva a Torino

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.