A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, risiko geopolitico sul petrolio. Ora Qatar Energy sfida Aramco

La guerra in Ucraina cambia gli equilibri nel mondo del petrolio

Prima l'ospitalità alle ambasciate occidentali in fuga da Kabul durante la crisi in Afghanistan della scorsa estate. Poi la disponibilità a sostituire almeno in parte le forniture energetiche e in particolare di gas in arrivo solitamente dalla Russia dopo l'invasione ordinata da Vladimir Putin in Ucraina. Il Qatar sta vivendo un particolarmente fortunato dal punto di vista geopolitico, con ricadute positive (ovviamente) anche e soprattutto sul piano economico.

D'altronde, è lo stesso Joe Biden a proporre proprio il nome del Qatar ai partner europei alla disperata ricerca di alternative valide all'approvvigionamento energetico da Mosca. E Doha mette fuori la testa, sfidando anche gli storici colossi energetici e persino petroliferi dei paesi arabi del Golfo. In particolare il gigante con la i maiuscola dell'Arabia Saudita, Aramco. Sì, perché ora il gioiello di casa qatariota, Qatar Energy, è pronta a sfidare la creatura saudita che ha dominato il mercato del petrolio per lungo tempo.

Dall'altra parte, infatti, Ryad sta attraversando un momento complicato. I messaggi incrociati con Biden e la Casa Bianca sono stati diversi e poco amichevoli. Alla base il riavvicinamento di Washington all'Iran, nemico giurato dell'Arabia Saudita, con un negoziato sul nucleare pronto a essere ripreso e concluso dopo gli anni di chiusura di Donald Trump. Senza contare il mancato sostegno che gli arabi rimproverano agli Usa per quanto concerne la guerra in Yemen. Tanto che Ryad ha iniziato a rivolgere lo sguardo a Pechino, lanciando chiari segnali al presidente americano. 

Petrolio, l'Arabia Saudita molla gli Usa e guarda alla Cina

In particolare, solo la scorsa settimana il Wall Street Journal ha raccontato che l'Arabia Saudita è in trattative con la Cina per scambiare in yuan le sue vendite di petrolio alla Cina. Si tratta di una mossa che intaccherebbe decisamente il dominio del dollaro statunitense nel mercato globale del Petrolio e segnerebbe invece un altro passo in avanti del principale esportatore di greggio del mondo verso l'Asia. D'altronde, la Cina già compra più del 25% del petrolio che l'Arabia Saudita esporta. Non solo, ma i sauditi stanno anche considerando di includere contratti futures denominati in yuan, noti come petroyuan, nel modello di determinazione dei prezzi di Aramco.

Un segnale rilevante. Da parte degli Usa, un alto funzionario ha definito l'idea dei sauditi di vendere petrolio alla Cina in yuan "altamente volatile e aggressiva" e "non molto probabile". E comunque, ha ricordato, i sauditi avevano già ventilato tale ipotesi quando c'era tensione tra Washington e Ryad. Washington è convinta di poter salvaguardare il rapporto, non a caso nei giorni immediatamente successivi alla voce sullo yuan l'Arabia Saudita avrebbe ricevuto un numero imprecisato di batterie di difesa terra-aria Patriot dagli Stati Uniti.

(Continua nella pagina seguente...)

Qatar sempre più vicino a Usa ed Europa: pronta la sfida ad Aramco

Ciò non toglie che Biden approfondisca i legami col Qatar anche in materia petrolifera. Aramco ha ancora un grande vantaggio e Qatar Energy produce solo un terzo del rivale saudita, che ha chiuso il 2021 a 110 miliardi di dollari con un utile più che raddoppiato. Ma le tensioni geopolitiche non solo con gli Usa ma anche con l'Europa rischiano di cambiare le carte in tavola.

Come per Aramco, anche i clienti di QatarEnergy sono soprattutto asiatici. Ma l'emirato, uno dei più grandi esportatori al mondo di gas naturale liquefatto (lng), ha un approccio più pragmatico a livello geopolitico. Vuole forti relazioni commerciali con la Cina ma questo non le impedisce di mantenere forti legami con l'America. Gli interessi economici vengono prima delle questioni politiche. 

Come racconta l'Economist, tale pragmatismo commerciale è stato evidente durante la crisi tra Qatar e gli altri paesi del Golfo, durante la quale Doha ha mantenuto il flusso di gas naturale attraverso il gasdotto Dolphin verso gli Emirati Arabi per convincere il mondo di essere un fornitore affidabile. E ancora, in modo più rilevante, il Qatar è venuto subito incontro alle richieste occidentali di inviare all'Europa più combustibili fossili dopo l'invasione russa, al contrario del rifiuto dell'Arabia Saudita.

Qatar Energy sta chiudendo accordi di fornitura con diversi paesi europei a lungo termine, a partire dalla Germania. Aramco è ancora più grande ma le mosse azzardate del suo governo a livello geopolitico potrebbero portare sempre più estimatori al competitor del Qatar.

Leggi anche: 

Donna fatta a pezzi: confessa il vicino, lei era un'attrice di film erotici

" Guerra, Cacciari: "Il Pd ubbidisce 'immediately' agli ordini dell'America"

Ucraina, Massolo: "Pace lontana. Biden ha rischiato di allargare il conflitto"

Guerra Ucraina, la libertà di giudizio di Prodi e il monito di pace del Papa

Apple, bombe di Putin anche sulla produzione di iPhone Se: giù del 20%

Tim contesa tra due spasimanti: Kkr verso l'Opa, Cvc punta sull'enterprise

Lighyear, polemiche per il bacio gay: genitori sotto choc. Si muovono le Onlus

Della notte degli Oscar resterà lo schiaffo di Will Smith. VIDEO

BPER Banca, caro energia: stanziato €1 mld per le imprese

Intesa Sanpaolo, accolti colleghi della Pravex dall'Ucraina

Visco, Banca d’Italia: “Necessaria una cooperazione internazionale rilevante"

Commenti
    Tags:
    aramcocrisi ucrainaguerra ucrainapetrolioqatar energyterza guerra mondiale





    in evidenza
    La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

    Guarda le foto

    La scollatura a V di Elodie incanta il Festival di Cannes 2024

    
    in vetrina
    La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

    La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


    motori
    Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

    Alpine, cresce la gamma A110, con le nuove A110, A110 GT e A110 S

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.