A- A+
Esteri
Israele, trovato morto l'ambasciatore cinese. La sfida Usa-Pechino su Tel Aviv

Con ogni probabilità è stato solo un arresto cardiaco, ma il clima da guerra fredda che si respira tra Stati Uniti e Cina alimenta teorie del complotto. L'ambasciatore cinese in Israele, Du Wei, è stato trovato morto nella sua casa in un sobborgo di Tel Aviv. Il diplomatico è stato rinvenuto nel suo letto dal personale della sua residenza senza segni di violenza sul suo corpo. La polizia ha comunque avviato un'inchiesta per stabilire le cause del decesso, che sarebbero, come detto, da ricondurre a un arresto cardiaco.

DU WEI IN ISRAELE DA MARZO. LA VISITA DI POMPEO

Il diplomatico 58enne, sposato e padre di un figlio, era arrivato in Israele all'inizio dell'anno dopo un mandato in Ucraina. Approdato a metà febbraio, aveva ricevuto le credenziali solo a fine marzo perché al suo arrivo era rimasto quindici giorni in quarantena per via della pandemia. Viveva nel quartiere di Herzliya. La sua famiglia non era al momento con lui in Israele. Nei giorni scorsi aveva scritto un articolo per il Jerusalem Post, paragonando la resilienza della Cina nell'affrontare la pandemia a quella del popolo israeliano. E venerdì, attraverso l'ambasciata, aveva protestato per le parole pronunciate al segretario di Stato americano, Mike Pompeo, durante la sua breve visita in Israele due giorni prima.

LA PARTITA USA-CINA SU ISRAELE

Pompeo aveva accusato Pechino di utilizzare i suoi investimenti in Israele come minacce e aveva anche ribadito che la Cina sta nascondendo informazioni sull'epidemia. Il messaggio del segretario di Stato Usa è stato chiaro: scegliere tra gli investimenti cinesi e l'accordo politico sull'annessione della Cisgiordania. La reazione dell'ambasciata non si era fatta attendere: "Pompeo da tempo considera prodotti e investimenti cinesi come rischi per la sicurezza senza produrre prove a sostegno delle sue acccuse. Confidiamo che i nostri amici israeliani non solo siano in grado di sconfiggere il coronavirus ma anche il virus politico e scegliere la linea di azione che serve meglio i loro interessi". Nella sua replica, Wei aveva espresso la speranza di un'ulteriore cooperazione. L'ambasciatore aveva definito le relazioni tra i due paesi come 'win-win', in un rapporto di vantaggio reciproco e liquidato come ridicole le affermazioni che la Cina vuole comprare Israele, anche considerando che l'investimento della Cina nel paese "rappresenta solo lo 0,4% per cento degli investimenti della Cina nel mondo".

I PRECEDENTI SCONTRI USA-CINA SULLE FORNITURE MILITARI

Non è la prima volta che Usa e Cina entrano in competizione su Israele. Come ha scritto il Wall Street Journal, alla fine degli anni '90, i funzionari statunitensi si opposero a una vendita pianificata alla Cina del sistema radar aereo Phalcon di fabbricazione israeliana. Israele si è piegato alle pressioni degli Stati Uniti nel 2000, ha annullato la vendita, rimborsato alla Cina quasi 200 milioni di dollari e pagato oltre 150 milioni in danni. Il secondo scontro si è verificato durante la presidenza di George W. Bush e ha coinvolto il sistema antiradar israeliano Harpy. Un caso che portò al licenziamento del direttore generale del ministero della Difesa israeliano, a nuove leggi sul controllo delle esportazioni e a un accordo di condivisione delle informazioni con il Pentagono. Ancora più importante, nel 2005 Israele ha chiuso del tutto il suo commercio di difesa con la Cina. Anche senza le vendite militari, la Cina è cresciuta fino a diventare il secondo partner commerciale di Israele, dopo gli Stati Uniti.

IL PORTO DI HAIFA AI CINESI E IL 5G

Dopo la fine delle relazioni in materia di difesa, Washington si era messa il cuore in pace, lasciando proseguire la collaborazione in altri settori. Tanto che Israele rappresenta un importante anello della Via della Seta di Pechino. Non tanto per a livello economico, quanto qualitativo e strategico. E un anello sensibile, vista la storica alleanza tra Tel Aviv e Washington. Alleanza che non ha impedito al governo israeliano di dare il via libera a un accordo sulla concessione del nuovo terminal del porto di Haifa e ad altre partnership per lo sviluppo della rete 5G. Due settori fondamentali, quello infrastrutturale-strategico e quello tecnologico, nei quali Pechino conta di trarre importanti vantaggi con la proiezione verso non solo il Medio Oriente (area dove la sua influenza è in costante aumento) ma anche verso il Mediterraneo. Israele è dotata di un'importante scena tecnologica e di innovazione, due elementi centrali nella competizione tra superpotenze. E ora la Casa Bianca, protagonista di un innalzamento delle tensioni col rivale commerciale e geopolitico, non sembra più intenzionata a lasciar passare. 

IL CAMBIO DI MARCIA DELLA DIPLOMAZIA CINESE

La morte di Wei arriva, tra l'altro, in un momento nel quale gli ambasciatori cinesi all'estero sono particolarmente attivi. Dopo decenni di understatement, basati sul principio di Deng Xiaoping ("nascondi la tua forza, aspetta il tuo momento e non prendere mai il comando") la diplomazia cinese si muove in massa, risponde alle accuse, interviene attivamente nel dibattito e prova a imporre la propria auto narrazione. In prima linea le ambasciate. Quella francese ha postato un video animato coi Lego per smentire le accuse di Washington sull’origine della pandemia. L’ambasciata cinese in Polonia si è resa protagonista in questi giorni di una polemica senza precedenti con la delegazione statunitense, quella in Germania si è scontrata con i media tedeschi. I diplomatici in Repubblica Ceca e in Svezia hanno apertamente minacciato di ritorsioni i rispettivi governi per azioni politiche interpretate come ostili.

E' in questo generale scenario da accuse incrociate e ipotesi del complotto (ricordando il rapporto quantomeno privilegiato tra servizi segreti americani e israeliani) che sulla morte dell'ambasciatore cinese, che pare avvenuta per un "semplice" arresto cardiaco, avanzare teorie da guerra fredda può diventare (rischiosamente) naturale.

Commenti
    Tags:
    ambasciatore cineseisraele
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.