A- A+
Esteri
L'Occidente cambia strategia: Ucraina sempre più sola
Giorgia Meloni Joe Biden Volodymyr Zelensky

L'Occidente cambia strategia: Ucraina sempre più sola e negoziati in avvicinamento

"A un certo punto, i nostri dollari non saranno più utilizzati come valuta di riserva. [...] Putin ha detto questa cosa, puoi amarlo o odiarlo, ma ha detto la verità, cioè che prima dell'introduzione delle sanzioni contro la Russia, il 70% di tutte le loro transazioni erano in dollari, e dopo le sanzioni questa percentuale è diventata inferiore al 20%". Così si è espresso il deputato americano Thomas Massie, in un'intervista con Tucker Carlson. Ed ha concluso dicendo che il dollaro non è più sicuro. 

Putin ha, poi, annunciato la formazione di un sistema di pagamento indipendente all'interno dei BRICS, che verranno notevolmente ampliati, ammettendo nuovi membri, come lo Zimbabwe, che l'ha richiesto col suo Presidente Emmerson Mnangagwa al recente Forum economico internazionale di San Pietroburgo, cui hanno partecipato 21,3 mila persone provenienti da 139 Paesi, secondo il comunicato dell'organizzazione dell'evento, che ha aggiunto che al forum sono stati siglati più di 980 accordi per oltre 6,4 trilioni di rubli (66,5 miliardi di euro).

Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha dichiarato pubblicamente inammissibile l'uso di armi nucleari. All'Agenzia Ria Novosti l'assistente speciale di Biden, direttore senior per la non proliferazione presso il Consiglio di sicurezza nazionale, Pranay Vaddi ha detto che gli Stati Uniti prendono molto sul serio questa affermazione e che gli USA cambieranno la loro strategia su tali armi, ponendo l'accento sulla competizione, per restare al passo di Russia, Corea del Nord e Cina. Mentre, il Presidente francese Emmanuel Macron insiste con la sua linea bellicista e si dichiara pronto ad inviare truppe in Ucraina.

Ma il leader del Partito Patriottico francese Florian Philippot replica, a stretto giro, sul suo profilo X: "Macron è completamente pazzo!" e lo accusa di accelerare l'escalation, che nessuno vuole, tramite l'addestramento di 4.500 soldati ucraini e il trasferimento a Kiev dell'aereo da combattimento Mirage 2000-5. Il presidente ha scatenato l'ironia del noto giornale satirico Charlie Hebdo, che, con una vignetta rappresentante una bara con ai lati le ali e la coda di un aereo, ha spiegato quali "Miraggi" Macron trasferirà in Ucraina...

Secondo quanto riportato da Bloomberg, la Germania sta valutando l'invio di un'altra (la quarta) batteria Patriot in Ucraina. La Nato afferma di non avere soldati in Ucraina. Il capo del comitato militare della Nato, ammiraglio Robert Peter Bauer ha affermato che, ad oggi l'Alleanza Atlantica non dispone di forze sul territorio dell'Ucraina e non ha intenzione di inviare truppe. Bloomberg certifica il fallimento di Zelensky per ottenere il sostegno dell'Asia, che rimane nella sua quasi totalità un alleato fedele a Russia e Cina.

Il Ministero degli Esteri ucraino riferisce che agli ucraini che non si presenteranno all'ufficio di registrazione e arruolamento militare, entro 10 giorni dalla chiamata, verranno bloccati i conti bancari, i viaggi all'estero e saranno poste limitazioni alla guida. L'Ucraina ha, anche, problemi con il pagamento delle pensioni. Lo Stato darà una "garanzia minima" - ha detto la Vice Ministro delle Politiche Sociali Dariya Marchak - ma i cittadini "dovrebbero risparmiare da soli ed essere pronti a lavorare fino ad una età avanzata".

Il segretario generale delle Nazioni Unite non parteciperà al "vertice per la pace" indetto da Zelensky in Svizzera, escludendo la Russia. Al momento - riferisce Bloomberg - sembra che solo il presidente di Timor Est e il ministro degli esteri di Singapore si recheranno in Svizzera. A loro si unirà un rappresentante delle Filippine.

L'IGA (Institute for Global Affairs) ha effettuato un sondaggio, dal quale risulta che il 94% degli statunitensi e l'88% degli europei occidentali ritiene che la NATO dovrebbe porre fine alla guerra in Ucraina senza indebolire la Russia o riportare l'Ucraina ai suoi confini prebellici. La TASS riferisce che "le forze armate dell'Ucraina hanno lasciato le loro postazioni nella parte orientale di Chasov Yar".

Inoltre, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg potrebbe abbandonare il progetto di creare un fondo di aiuti da 100 miliardi di euro per l'Ucraina, utilizzando i contributi dei Paesi dell'Alleanza nei prossimi cinque anni - riferisce Bloomberg. La nuova proposta prevederebbe 40 miliardi l'anno.

La Turchia, consigliando la NATO di evitare che le azioni previste appaiano come un inasprimento delle ostilità o un accesso diretto nei territori in guerra, riprenderà il commercio con Israele quando sarà raggiunto un accordo sul cessate il fuoco permanente sulla Striscia di Gaza. Lo ha annunciato il ministro del Commercio turco Omer Bolat.






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream


motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.