A- A+
Esteri

La Mecca, il caldo fa strage di pellegrini. Sanzioni alle agenzie di viaggio. Che cosa è successo 

Il caldo fa strage di pellegrini: sono almeno 1.301 le persone che sono morte durante l'Hajj, uno dei cinque pilastri dell'Islam. Tutti i musulmani devono completarlo almeno una volta prima di lasciare la vita terrena. Le autorità dell'Arabia Saudita hanno spiegato che a perdere la vita sono stati per lo più pellegrini non autorizzati che hanno camminato per lunghe distanze in un caldo intenso. Lo rende noto la Spa, l'agenzia di stampa saudita, ricordando che il pellegrinaggio di quest'anno si è svolto durante un'ondata di caldo, con temperature che a volte superavano i 50°C.

LEGGI ANCHE: Meteo, caldo torrido addio. Arriva il fresco. Ecco quando: la data (imminente)

Più di tre quarti delle persone decedute non avevano il permesso ufficiale per recarsi sul posto e camminavano sotto la luce diretta del sole senza un riparo adeguato, ha aggiunto la Spa. Alcuni di coloro che sono morti erano anziani o malati cronici, ha aggiunto l'agenzia. Il ministro della Sanità Fahd Al-Jalajel ha affermato che sono stati compiuti sforzi per aumentare la consapevolezza sui pericoli dello stress da caldo e su come i pellegrini potrebbero mitigarlo. Le strutture sanitarie hanno curato quasi mezzo milione di pellegrini, tra cui più di 140mila che non avevano il permesso, ha detto il ministro, aggiungendo che alcuni erano ancora in ospedale per colpi di calore.

L'Arabia Saudita è stata criticata per non aver fatto di più per rendere l'Hajj più sicuro, soprattutto per i pellegrini non registrati che non hanno accesso a strutture come tende con aria condizionata e trasporto ufficiale dell'Hajj. Secondo il centro meteorologico nazionale dell'Arabia Saudita, le temperature alla Mecca sono salite fino a 51,8°C. L'Indonesia ha affermato che più di 200 suoi cittadini hanno perso la vita, mentre l'India ha registrato un bilancio delle vittime di 98 persone.

Anche Pakistan, Malesia, Giordania, Iran, Senegal, Sudan e la regione autonoma del Kurdistan iracheno hanno confermato le morti. Hajj è il pellegrinaggio annuale compiuto dai musulmani alla città santa della Mecca. Tutti i musulmani che sono finanziariamente e fisicamente abili devono completare il pellegrinaggio almeno una volta nella vita. Quest'anno hanno preso parte all'Hajj circa 1,8 milioni di persone, ha detto l'Arabia Saudita. 

Nel frattempo l’Egitto ha messo sotto accusa le agenzie di viaggio. “Il primo ministro ha ordinato la revoca delle licenze di queste compagnie, il deferimento dei loro dirigenti al pubblico ministero e l’imposizione di una multa a beneficio delle famiglie dei pellegrini morti a causa loro”, ha dichiarato il gabinetto egiziano in un comunicato. Il governo egiziano ha dichiarato che l’aumento dei decessi di pellegrini egiziani non registrati è dovuto ad alcune compagnie che “hanno organizzato i programmi di hajj utilizzando un visto di visita personale, che impedisce ai titolari di entrare alla Mecca” attraverso i canali ufficiali.






in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.