A- A+
Esteri
La strana coppia Draghi-Letta per salvare l'Ue. Il piano treni e difesa comune
Mario Draghi ed Enrico Letta

Draghi-Letta, gli ex premier scendono in campo per salvare l'Europa. Italia protagonista

Il futuro dell'Europa passa dall'Italia. Se dal punto di vista economico il nostro Paese è in ritardo rispetto ad altri colossi, sul fronte degli aiuti militari ad esempio dove Chigi non può puntare su armamenti all'avanguardia, come recentemente dichiarato dal ministro della Difesa Crosetto, sul piano delle idee e delle strategie future le cose cambaino. L'Italia ha due assi nella manica, si stratta degli ex premier Mario Draghi ed Enrico Letta, che con progetti diversi stanno però contribuendo a delineare l'idea del futuro dell'Europa. Nel giro di poco più di 24 ore i due ex presidenti del Consiglio italiani - riporta Milano Finanza - hanno dato alla luce altrettanti manifesti per innovare il mercato interno e rilanciare la competitività comunitaria.

Leggi anche: Draghi: "L'Europa è senza strategie. Così non può competere con Usa e Cina"

Leggi anche: Draghi striglia di nuovo l'Europa. E chiede più dazi sull'import cinese

Da una parte Enrico Letta (già premier, ministro e segretario del Pd) ha preparato un importante lavoro di indagine di 150 pagine per rafforzare lo spazio comune partendo dai tre pilastri del mercato interno: trasporti, telecomunicazioni e commercio. Dall’altra parte - prosegue Milano Finanza - Mario Draghi alla breve esperienza da premier ha aggiunto nel lavoro commissionatogli da Ursula von der Leyen (che ha anticipato ieri in un incontro in Belgio) tutta la sua capacità di banchiere centrale nell’individuare cause e possibili rimedi ai malfunzionamenti economici. E ha dettato un vero "Manifesto per la Nuova Europa" che punta a trasformarla ma dall’alto, partendo dagli stessi meccanismi normativi che hanno reso l’Unione più debole e meno competitiva. Ora la premier Giorgia Meloni dovrà essere pronta a far valere questa nostra superiorità ideologica e programmatica nei tavoli che contano a Bruxelles e nella Nato.






in evidenza
Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice

L'influencer di nuovo in tribunale

Ferragni, arriva un altro colpo basso: un socio contesta la gestione di Fenice


in vetrina
G7, tutti pazzi per i panini di Ciccio 2.0: conquistata la delegazione americana

G7, tutti pazzi per i panini di Ciccio 2.0: conquistata la delegazione americana


motori
Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Alfa Romeo Junior VELOCE: debutto elettrico da 280 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.