A- A+
Esteri
Libia, esplosione in un oleodotto della Cirenaica

In Libia un'esplosione coinvolge un importante oleodotto che porta al terminal di Sidra, sulla costa libica sul mediterraneo. La notizia rimbalza a New York, dove il prezzo del greggio si impenna: le quotazioni salgono dell'1,49%, a 59,34 dollari al barile. Il terminale di Sidra, in Cirenaica, è sotto il controllo politico-militare del generale Khalifa Haftar, e non è lontano dall'altro terminale strategico di Ras Lanuf. Insieme i due impianti rappresentano i principali terminali del greggio libico.

Una fonte dell'esercito nazionale libico, citata da Sputnik, ha riferito che la deflagrazione è avvenuta circa 30 chilometri a nord-ovest di Marada. La fonte militare parla apertamente di attentato, attribuendone la responsabilità alle Brigate di difesa di Bengasi. Secondo quanto hanno riferito dall'Esercito nazionale libico (Lna) al Lybia Times, si è trattato di un attacco terroristico. "Testimoni hanno visto due jeep vicine alla zona poco prima dell'esplosione e noi crediamo che stessero piazzando l'esplosivo", ha detto un portavoce di Lna.

L'oleodotto appartiene alla compagnia Waha Oil, una joint venture tra la compagnia nazionale petrolifera Noc (National Oil Corporation), Hess, Marathon Oil e ConocoPhillips. Dopo l'esplosione, fanno sapere fonti societarie, il pompaggio dal terminale è stato immediatamente interrotto. Prima dell'esplosione Waha Oil dichiarava una produzione di 260.000 barili al giorno. Dopo il presunto attentato, la produzione è crollata a 60.000-70.000 barili quotidiani.

Tags:
libia esplosione petrollio
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.