A- A+
Esteri
Macron filocinese spaventa Usa e Nato. Per Meloni c'è un'autostrada atlantista
Emmanuel Macron e Giorgia Meloni

L'autonomia strategica di Macron piace molto a Xi Jinping. Non a Biden

"La Nato è cerebralmente morta". Oppure: "L'Europa deve agire all'interno della Nato, con la Nato, ma anche non dipendendo dalla Nato". O ancora: "Un'alleanza non è qualcosa da cui dovrei dipendere. È qualcosa che dovrei scegliere, qualcosa con cui lavorare. Dobbiamo ripensare la nostra autonomia strategica". E infine: "L'Europa deve acquisire maggiore autonomia in materia di tecnologia e capacità di difesa, anche rispetto agli Stati Uniti". Si tratta di una breve collezione di dichiarazioni di Emmanuel Macron, pronunciate negli anni scorsi. Prima della pandemia di Covid-19, prima della guerra in Ucraina, prima che la contesa commerciale tra Cina e Stati Uniti diventasse qualcosa di più e le tensioni arrivassero a farsi sempre più forti anche in Asia-Pacifico.

Ecco, se allora in molti avevano convenuto sulla visione di Macron, credendo nella buona fede di una visione fondata sulla creazione di un'Europa più forte, ora le cose sono cambiate. Sì, perché Macron ha in sostanza ripetuto diverse di queste cose adesso, dopo che il mondo è cambiato in maniera drastica. Il presidente francese ha scatenato una tempesta di critiche dopo aver affermato che l'Europa non deve diventare un "vassallo" e deve evitare di essere coinvolta in qualsiasi conflitto tra Stati Uniti e Cina su Taiwan.

Parlando con i giornalisti di Les Echos e Politico, Macron ha detto che l'Europa dovrebbe essere una terza potenza nell'ordine mondiale, insieme agli Stati Uniti e alla Cina. Secondo Les Echos, Macron ha dichiarato: "Noi abbiamo interesse ad accelerare sul tema di Taiwan? No. La cosa peggiore sarebbe pensare che noi europei dobbiamo essere dei seguaci su questo tema e adattarci a un ritmo americano e a una reazione eccessiva cinese". Ha aggiunto che sarebbe "una trappola per l'Europa", ora che ha sviluppato una maggiore autonomia dopo la pandemia di Covid, farsi coinvolgere in crisi "che non sono nostre". Se ci sarà un'accelerazione del conflitto tra il duopolio americano e quello cinese "non avremo il tempo, né i mezzi per finanziare la nostra autonomia strategica e diventeremo vassalli, mentre potremmo diventare il terzo polo dell'ordine mondiale se avessimo qualche anno per svilupparlo".

L'ira degli Usa per la "terza via" di Macron

Nessun commento ufficiale dalla Casa Bianca, ma intanto si sono scatenati già i repubblicani, che rinfacciano a Biden il fatto di aver riservato finora a Macron l'unica visita con protocollo di Stato da quando si trova alla Casa Bianca. In un post sui social media che rimanda all'intervista di Politico, il senatore repubblicano Marco Rubio ha affermato che se Macron parla a nome di tutta l'Europa, allora gli Stati Uniti dovrebbero considerare di concentrare la loro politica estera sul contenimento della Cina e lasciare che sia l'Europa a gestire la guerra in Ucraina.

"Forse dovremmo dire che ci concentreremo su Taiwan e sulle minacce che la Cina pone, mentre voi vi occuperete dell'Ucraina e dell'Europa", ha detto Rubio. Ma anche l'establishment mediatico non ha apprezzato. Il Wall Street Journal ha affermato in un editoriale che i "commenti poco incoraggianti" del presidente francese avrebbero minato la deterrenza degli Stati Uniti e del Giappone contro la Cina nel Pacifico occidentale, incoraggiando al contempo i politici statunitensi che vogliono ridurre gli impegni americani in Europa. "Se il presidente Biden è sveglio, dovrebbe chiamare Macron e chiedergli se sta cercando di rieleggere Donald Trump", ha scritto il giornale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinagiorgia melonimacronnatousa





in evidenza
Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

MediaTech

Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce


in vetrina
Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League

Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League


motori
Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.