A- A+
Esteri
Macron fa campagna elettorale a Mosca. Il flirt con Putin fa arrabbiare Biden

Ucraina, Macron vola da Putin in Russia. Usa ed Europa orientale storcono il naso

Una resa ex ante. C'è anche chi definisce così la visita di Emmanuel Macron a Mosca, dove incontrerà Vladimir Putin di ritorno da Pechino. Solo pochi giorni fa, il presidente russo è stato incoronato "caro amico" da quello cinese Xi Jinping all'inaugurazione dei Giochi Olimpici Invernali 2022, con il regalo in cambio di una nuova maxi dotazione di gas attraverso il Power of Siberia 2 che potrebbe ripercuotersi sull'approvvigionamento energetico europeo. Ma l'inquilino dell'Eliseo, magari anche per questo, mostra il volto accomodante all'orso che danza lungo il confine dell'Ucraina e sul fianco orientale dell'Europa.

A far storcere il naso a qualche alleato, dagli Stati Uniti ai paesi della cintura nord orientale dell'Europa (vale a dire quelli più esposti ai movimenti di Mosca) sono state anche e soprattutto le dichiarazioni della vigilia di Macron, il quale ha detto in un'intervista al Journal du Dimanche che per i paesi occidentali è necessario capire i timori della Russia e che potrebbero dover fare concessioni al Cremlino. "Sono sempre stato coinvolto in un dialogo approfondito con il presidente Putin e la nostra responsabilità è costruire soluzioni di portata storica", ha aggiunto. "L'obiettivo geopolitico della Russia oggi non è chiaramente l'Ucraina, ma chiarire le regole di convivenza con Nato e Ue", ha detto Macron.

Non può sorprendere che questa uscita possa non essere particolarmente piaciuta dalle parti di Casa Bianca e Pentagono, dove invece si sforzano a convincere i partner europei dell'imminenza di una possibile invasione russa. Macron mostra di non credere alla narrativa semplicista dell'Ucraina terreno di caccia dello zar Putin, ma fa un passo in direzione di Mosca che prende una dimensione ulteriore in un'altra dichiarazione che sembra aprire alla possibilità di trovare una via di fuga mediana: "La sicurezza e la sovranità dell'Ucraina o di qualsiasi altro stato europeo non possono essere oggetto di compromesso, mentre è anche legittimo che la Russia ponga la questione della propria sicurezza", ha detto Macron.

La strategia di Macron per il disgelo con la Russia, Biden permettendo

Parole che sembrano pensate apposta per garantire un compromesso in grado di soddisfare le reciproche linee retoriche senza far passare nessuno da sconfitto. Congelamento dell'allargamento a est della Nato ma rassicurazioni sul rispetto della sovranità dell'Ucraina, magari con qualche spazio di negoziato sul Donbass? A Macron sembra che possa trattarsi di uno sviluppo accettabile, molto meno dalle parti di Washington. Anche perché gli Stati Uniti sanno quale sia la linea di Macron, ancora non assimilabile alla loro. Vale a dire un riavvicinamento tra Europa e Russia volto non solo a riavviare diplomazia e commercio ma anche a spezzare l'asse che sta diventando sempre più solido tra Mosca e Pechino.

"Dobbiamo proteggere i nostri fratelli europei proponendo un nuovo equilibrio capace di preservare la loro sovranità e pace. Questo deve essere fatto rispettando la Russia e comprendendo i traumi contemporanei di questo grande popolo e grande nazione". Che cos'altro può significare se non trovare un compromesso? Macron flirta da anni con l'idea di riammettere il Cremlino al tavolo dell'occidente, scontrandosi con la fermezza degli Usa ma anche interna all'Ue. Basti ricordare il primo faccia a faccia nella reggia di Versailles nel 2017, oppure l'invito a Putin al forte di Bragançon, residenza ufficiale dal capo di stato francese. Anche allora le critiche degli alleati furono tante.

Ora, complice la presidenza di turno in ambito comunitario e la fuoriuscita completa del Regno Unito (altro nemico giurato di Mosca), ci riprova. Con sullo sfondo un'altra prospettiva, vale a dire quella delle elezioni di aprile in cui Macron cerca di ottenere un secondo mandato all'Eliseo, impresa mancata negli ultimi due decenni da qualsiasi presidente francese. E per farlo rilancia la sua azione in materia di politica estera, per mostrare che Parigi può davvero essere il centro propulsore dell'Unione europea post Angela Merkel. Joe Biden permettendo, visto che la Casa Bianca non vede certo di buon occhio il disgelo autonomo tra Europa e Russia, come già dimostrato sulla vicenda del gasdotto North Stream 2 tra Mosca e Berlino.

Leggi anche

Commenti
    Tags:
    elezioniemmanuel macronrussiaucraina





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.