A- A+
Esteri
Migranti, francesi "chiagni e fotti": fanno la morale, ma poi manganellano

Migranti, i “franciosi” attaccano l’Italia

I soliti “franciosi”, come da sempre li chiamavano i nostri saggi avi, attaccano l’Italia. Lo fanno “alla francese”, e cioè con l’intempestività grezza che li caratterizza. Il nostro ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aveva già pronta la valigia per partire alle 15.30 di ieri per Parigi dove aveva un incontro diplomatico con la sua omologa Catherine Colonna, quando il ministro dell’Interno Gérald Darmanin, ha sganciato la bomba: «La signora Meloni, a capo di un governo di estrema destra scelto dagli amici della signora Le Pen, è incapace di risolvere i problemi migratori sui quali è stata eletta» e poi ancora: «Meloni è come Le Pen, si fa eleggere dicendo “vedrete” e poi quel che vediamo è che l’immigrazione non si ferma anzi si amplifica».

Il motivo è stato quello di una risposta al presidente del partito di Marine Le Pen, Jordan Bardella, che dal confine di Mentone aveva dichiarato: “Dobbiamo riservare aiuti sociali ai francesi, espellere delinquenti e criminali stranieri e osare impegnarci in un braccio di ferro diplomatico con i paesi di partenza”. Naturalmente il viaggio è stato annullato ed è scoppiata l’ennesima crisi diplomatica. L’intemerata d’oltralpe ha addirittura costretto il “Partito democritico” a difendere Tajani: «L'opposizione al Governo Meloni la fa l'opposizione italiana, Darmanin può serenamente dedicarsi ai suoi problemi interni», e quindi l’uscita del ministro dell’Interno ha avuto il magico effetto di essere riuscito a compattare l’Italia.

La scorsa settimana i franciosi hanno schierato 150 militari sul confine con l’Italia e hanno preso a manganellate i migranti che cercavano di entrare in Francia. Poi di notte ributtano dentro i nostri confini i pochi che sono riusciti a passare. Del resto la reazione dell’Eliseo non c’è stata anche se Tajani ci spera: «C’è un attacco a freddo, come una pugnalata alle spalle, da parte di un esponente di primo piano del governo della Francia. Non sono cose che si possono ignorare. Di sicuro però il resto dell’esecutivo di Macron non la pensa come Darmanin. Il comunicato non è sufficiente perché non ci sono le scuse, ma da parte francese si nota comunque sia il dispiacere che l’imbarazzo su quanto accaduto».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio tajanifranciagerald darmaninmigranti





in evidenza
Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

L'intervento del direttore di Affari

Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.