A- A+
Esteri
Pandora Papers, c'è l'anti Italia Hoekstra. Olanda frugale a giorni alterni

Frugali con il c...onto degli altri. Fa specie veder apparire il nome del ministro delle Finanze olandese e leader dei cristiano democratici Cda Wopke Hoekstra nell'immane lista dei politici citati negli ormai celeberrimi Pandora Papers. Ma come, proprio lui, il falco per eccellenza sulle regole europee di debito comune e flessibilità, coinvolto in un'inchiesta giornalistica che cita decine di nomi di soggetti politici che avrebbero investito denaro in società offsore costituire in paesi considerati paradisi fiscali?

Ebbene sì, proprio Hoekstra, uno dei leader dei frugali che in passato ha più volte sottolineato la necessità del rigore finanziario comunitario. Con un occhio di "riguardo" proprio nei confronti dell'Italia, tanto da aver chiesto più volte revisioni e inchieste sui conti pubblici e sulle leggi finanziarie italiane. Ora il frugale Hoekstra si trova coinvolto nei documenti pubblicati nell'ambito dei Pandora Papers. E dire che il presidente portoghese Costa aveva definito le sue posizioni intransigenti anche post Covid come "ripugnanti", senza essere a conoscenza delle nuove "scoperte".

Il ministro delle Finanze dei Paesi Bassi uscente (il governo Rutte si è dimesso lo scorso gennaio), avrebbe effettauto degli investimenti in una società offshore vittizia alle Isole Vergini Britanniche. Secondo quanto sostiene la piattaforma di giornalismo investigativo olandese Investico, Hoekstra sarebbe in possesso di circa 26 mila euro in azioni di questa società fantasma, che sarebbero state poi vendute poco prima di diventare ministro delle Finanze nel 2017. Per l'esattezza, avrebbe posseduto 627 azioni della società offshore Candace Management. Il gruppo, guidato da Jeroen Harderwijk, ex manager di Abn-Amro, utilizerebbe ancora la società situata alle Isole Vergini Britanniche per investire in una società di safari in Tanzania, Africa orientale.

“Dodici anni fa non sapevo dove avesse sede la società. Ovviamente avrei dovuto approfondire la cosa”, ha ammesso Hoekstra, che ha comunque sottolineano che non era obbligato dalla legge a rendere nota l'operazione finché era un semplice senatore e non ancora un ministro. Dall'investimento Hoekstra avrebbe guadagnato un profitto di 4800 euro, che sarebbero poi stati versati a "un ente di beneficenza olandese a favore della ricerca scientifica sul cancro", sostiene lui. Nulla di illegale, ma certo la polemica si è scatenata su ragioni di opportunità, vale a dire detenere investimenti in un paradiso caraibico dove non si pagano tasse e l’anonimato è garantito.

Commenti
    Tags:
    pandora papersolandafrugalieuropa





    in evidenza
    Affari va in rete

    MediaTech

    Affari va in rete

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

    Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.