A- A+
Esteri
Meloni al G20: più gas da Biden e apertura sui migranti da Erdogan
Giorgia Meloni

Migranti, energia e commercio internazionale: l'Italia cambia passo

 

Giorgia Meloni è partita per il G20 di Bali investita dalle polemiche della querelle aperta dalla Francia sulla questione della Ocean Viking. Ma senza dubbio nella bella isola indonesiana gli echi di tutto ciò sono sembrati lontanissimi, per l’unica donna premier presente al vertice (come ha voluto signorilmente sottolineare il presidente americano Biden) che ha portato con sé, oltre alla figlia Ginevra, il suo fedelissimo sottosegretario Giovan Battista Fazzolari, da molti ritenuto come il più importante consigliere della premier in politica estera.

È stato lui, infatti, il primo a puntare sulla scelta di appoggiare senza remore la posizione di ferma condanna dell’invasione russa all’Ucraina, all’indomani dello scoppio del conflitto, e proseguire convintamente su quel solco atlantista che da sempre contraddistingue la politica di Fratelli d’Italia.

Questo ha permesso al partito della Meloni di essere, agli occhi della comunità internazionale (Usa in testa, chiaramente) in una posizione certamente avvantaggiata, rispetto alle troppe titubanze da parte degli alleati Lega e Forza Italia.

Il bilaterale che la Meloni ha ottenuto con Joe Biden (che si è protratto oltre il tempo prestabilito e che non ha avuto bisogno di interpreti, visto l’ottimo inglese parlato dalla premier italiana) è stata l’occasione per consolidare il rapporto tra i due paesi, arrivando ad una importante concessione da parte degli Usa, che nessuno in Europa ha per il momento ancora ottenuto: avere un concreto aiuto sul fronte energetico, priorità assoluta del governo italiano in questo momento.

Certamente a sinistra qualcuno avrà di che piangersi addosso, vedendo come la leader di Fdi sia riuscita in poche settimane dove molti premier del passato hanno invece fallito. Altro che pericolo di isolamento in Europa, come per tutta la campagna elettorale Letta & Company hanno voluto far credere agli elettori.

Negli Stati Uniti, da tempo, la Meloni è riuscita a costruirsi un'immagine forte ed autorevole, non solo tra il partito dell’elefantino, ma anche tra alcuni esponenti democratici, come gli incontri post voto tenuti dall’attuale ministro delle imprese e del made in Italy a Washington, Adolfo Urso, hanno ampiamente dimostrato.

Ma dopo aver ottenuto questo importante risultato con l’uomo più potente del mondo, dal quale ha anche strappato la promessa di una prossima ravvicinata visita di stato a Washington, la presidente del Consiglio si è seduta intorno al tavolo con il leader turco, Recep Erdogan.

Con il presidente turco la Meloni ha affrontato da subito non solo la questione dei migranti e della delicata situazione in Libia (secondo fonti qualificate presenti al vertice, Erdogan avrebbe mostrato ampia disponibilità al dialogo sia sul tema migranti e sia su quello della Libia, che rimane comunque ancora un fronte caldo aperto con la Francia di Macron), ma anche sulla questione del grano ucraino.

È chiaro che Erdogan, attualmente nella sua posizione di forza relativa che ha assunto nei confronti dell’Europa sullo scacchiere mediorientale, potrebbe guardare con interesse a chi come la Meloni appare avere idee simili sul contrasto all'immigrazione irregolare e apparire come un volto nuovo ed interessante nel panorama politico europeo, con cui inutile girarci intorno, Erdogan non ha mai avutoun grande appeal.

Il fatto che il nostro paese negli ultimi anni abbia certamente perso influenza sul Maghreb, lasciando spazio proprio a chi, come Erdogan, è stato invece astuto nello sfruttare le debolezze di un'Europa troppo divisa e indecisa in politica estera, potrebbe rappresentare un nuovo importante punto fermo da cui partire nella  politica estera del governo in quella delicata zona geografica.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
g20giorgia melonipolitica estera





in evidenza
Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"

Inverno continuo

Gelo e neve per tutto marzo (e oltre), primavera "pazza"


in vetrina
Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista

Chiara Ferragni da Fazio: i meme più divertenti sull'intervista


motori
Nuova Renault 4, rinasce crossover 100% elettrico

Nuova Renault 4, rinasce crossover 100% elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.