A- A+
Esteri
Russia, Putin regala aumenti a pensionati, militari e polizia
Putin Lapresse

Omaggi, aumenti di salario e altro ancora sono state misure spesso ricorrenti usate da molti politici all’avvicinarsi delle elezioni.

Un modo per guadagnare consensi immediati. E il numero uno della Russia, il 68 enne Vladimir Putin, a tre settimane dalle elezioni legislative russe (19 settembre) ha dato il via libera a pagamenti straordinari in due cluster di popolazione molto interessanti dal punto di vista del voto: i pensionati e le forze dell'ordine.

Il presidente russo ha deciso, con effetto immediato, il pagamento di 15.000 rubli, circa 180 euro a persone che prestano i propri servizi in alcune agenzie statali.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale(FMI) in Russia nel settore pubblico sono occupati oltre un terzo dei posti di lavoro. Dei decreti beneficeranno militari, polizia, pubblici ministeri, dipendenti del sistema carcerario e membri della Guardia nazionale.

Stranamente gli unici, al di fuori delle Forze di Stato che non otterranno l’aumento saranno i Vigili del Fuoco, eroi e protagonisti dell'instancabile lotta contro gli incendi dei boschi che quest'estate hanno distrutto milioni di ettari in Siberia.

L'altro gruppo che avrà l’aumento inaspettato è quello dei pensionati, un formidabile bacino di voti. Anche per loro, 43 milioni, è stato approvato il pagamento di altri 10.000 rubli, circa 115 euro.

Il pagamento deciso ha un peso rilevante soprattutto se si considera che lo stipendio medio mensile di un pensionato era di 15.700 rubli (180 euro) all'inizio dell'anno, mentre lo stipendio medio russo ha raggiunto 56.000 rubli (650 euro) a metà anno.

Il Cremlino ha motivato la inaspettata gratifica agli agenti come una garanzia per la loro protezione sociale.

Le prossime elezioni legislative arrivano in un momento di grande tensione. Tensione creata anche dall’ultima legge del Governo Putin che vieta a chiunque sia legato a gruppi estremisti di partecipare alle elezioni, anche retroattivamente. Ovviamente in questa lista sono state incluse tutte le piattaforme dell’opposizione guidate da Alexei Navalni.

L'arresto dell’avvocato attivista a gennaio appena arrivato al controllo passaporti dell'aeroporto Sheremetyevo ha scatenato un'ondata di proteste in tutto il Paese che ha portato a migliaia di arresti e a uno spiegamento di polizia senza precedenti.

Il veto ha raggiunto altre organizzazioni come alcune ONG e media di opposizione considerate organizzazioni indesiderabili.

E da ultimo persino alcuni giornali russi sono stati bollati come "agente straniero" e, secondo la nuova legge, non potrebbero nemmeno scrivere sulle prossime elezioni. Ma Putin sembra essere certo che le “regalie” possano calmare tante persone.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    russiaputinmilitaripensionatielezioni
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.