A- A+
Esteri
Schiaffo a Macron: l'aggressore va a processo per direttissima

Damien Tarel, lo schiaffeggiatore di Emmanuel Macron, ha affrontato il processo per direttissima. Il ventottenne si è reso protagonista di una clamorosa aggressione al presidente francese, le cui immagini hanno rapidamente fatto il giro del mondo.

Diciotto mesi di carcere, 14 dei quali con la condizionale e 4 da scontare: questa la condanna inflitta Tarel.

IL VIDEO DELLO SCHIAFFO A MACRON

 

Damien Tarel è un disoccupato di estrema destra, nonché appassionato di cose medievali, che nel corso del suo interrogatorio dopo l’arresto ha rivelato di essere vicino al movimento dei gilet gialli, protagoniste di durissime proteste contro il governo di Macron. Bisogna però specificare che tutte le forze politiche hanno condannato in maniera unanime il violento attacco al presidente.

Appare piuttosto evidente una certa confusione da parte di Damien Tarel, il quale si è anche dichiarato “anarchico” e che in occasione dello schiaffo contro Macron ha pronunciato uno slogan di guerra dei monachici: "Montjoie Saint-Denis".

Altrettanto confuso appare il secondo uomo arrestato insieme a Tarel, in occasione dell’aggressione: a casa sua è stata rinvenuta una copia di “Mein Kampf”, il manifesto politico di Adolf Hitler, ma anche una bandiera rossa con simboli comunisti.

Sono state inoltre ritrovate delle armi detenute illegalmente, circostanza per la quale andrà a processo nel corso del 2022. Ma sull’assalto a Macron non gli sono state rivolte accuse di alcun genere.
 

Commenti
    Tags:
    schiaffo macrondamien tarel





    in evidenza
    Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

    Il nido d'amore con Boccia (Capogruppo Pd al Senato)

    Roma, ecco dove vive Nunzia De Girolamo. L'appartamento a Prati è strepitoso

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


    motori
    EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

    EICMA celebra 110 anni: pronta l'edizione 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.