A- A+
Esteri
Spazio, è partita aperta: la Cina sfida gli Usa e punta su Marte
Foto: LaPresse

La corsa allo Spazio torna ad accendersi in questa estate 2020: complice il passaggio di Marte vicino alla Terra, che apre una finestra temporale irripetibile prima del 2022, le due super potenze che se ne contendono il dominio - Cina e Stati Uniti - si sono gettate in avanti. A ore Pechino annuncerà la data di lancio della missione Tianwen-1, ("Domande al cielo", un riferimento letterario al poeta Qu Yuan del terzo secolo a.C.), la prima che punta contemporaneamente a far atterrare sul Pianeta Rosso una piattaforma, dispiegare un rover alla ricerca di sacche d'acqua nel sottosuolo e mettere un veicolo spaziale in orbita. Nei giorni scorsi la sonda è stata trasportata sulla piattaforma di lancio, al Centro di Lancio spaziale Wenchang, nella provincia di Hainan. Il lancio del razzo Long March-5 è previsto a giorni, previsto per fine luglio inizi di agosto (le speculazioni come data possibile parlano di 23 luglio, quando si aprirà la finestra utile).  

La Repubblica popolare cinese negli ultimi anni si è inserita con fare aggressivo nella competizione e il budget stanziato parla da solo: secondo le stime di Euroconsult, nel 2019 sono andati 5,8 miliardi di dollari per l'esplorazione spaziale. Ne è passato di tempo dal 24 aprile 1970 quando venne mandato in orbita il primo satellite, Dongfanghong-1 ('l’Oriente è rosso'). Nel 2018, Pechino ha presentato alla stampa Tiangong, 'il Palazzo celeste', la Stazione spaziale cinese (Css) il cui lavori sono iniziati e che, nelle intenzioni del governo, dovrebbe essere pronta nel 2022 per prendere poi il posto della Stazione spaziale internazionale (Iss, Stati Uniti, Russia, Europa, Giappone e Canada) che andrà in pensione due anni più tardi.

Nel gennaio 2019 è arrivato il primo grande successo con l'atterraggio morbido della sonda Chang'e-4 sul lato oscuro della Luna, un’impresa mai tentata prima che ha dato un forte impulso al programma spaziale che punta a far atterrare astronauti cinesi, i cosiddetti 'taikonauti', sulla superficie lunare. Un obiettivo cui si è affiancato quello, di lungo periodo, di mandare un uomo su Marte per cercare vita extraterrestre. Nel frattempo, la Cina continua a investire miliardi e mette in orbita satelliti per conto proprio e per altri Paesi.

Non è certo l'unica a muoversi in questa direzione, il suo dinamismo ha dato una spinta alla ricerca spaziale americana (il presidente Donald Trump ha annunciato un'accelerazione nel programma 'Artemis' con cui la Nasa punta a inviare astronauti sulla Luna entro il 2024 e su Marte nel prossimo decennio) e nella notte anche gli Emirati arabi uniti per la prima volta hanno lanciato un proprio vettore, che ha l'orbita del Pianeta Rosso come destinazione. Senza contare che, accanto ai grandi e piccoli Paesi (anche Israele, India e Giappone sono agguerriti), ci sono anche i privati coinvolti nella corsa allo spazio, a cominciare dall'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, e l’ad di SpaceX, il sudafricano Elon Musk.


Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cina martecina usacina usa guerra fredda
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

    Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.