A- A+
Esteri
Ucraina, Cina: Mosca non violi legge. Berlino-Parigi ai connazionali: via

La Cina prende posizione sulla questione ucraina: "Mosca non violi la legge internazionale"

Mentre Francia, Germania e Gran Bretagna invitano i connazionali a lasciare il Paese, la Cina non vuole la guerra in Ucraina e in nome di "una soluzione pacifica che garantisca sicurezza e stabilità in Europa" chiede agli alleati occidentali di fare qualche passo verso la Russia sulla controversia intorno all'allargamento della Nato. Mentre a Mosca ricorda: "Nessuno è al di sopra del diritto internazionale".

Per certi aspetti, quello del ministro degli Esteri cinese Wang Ya è stato l'intervento più sorprendente alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, sul cui palco centrale al Bayerischer Hof oggi si sono alternati il segretario generale dell'Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, la vice presidente americana Kamala Harris, il premier britannico Boris Johnson e il capo di Stato ucraino, Volodymyr Zelensky. "L'Ucraina deve essere un ponte che unisce Est e Ovest e non una linea di fronte per una competizione tra diverse potenze", scandisce Wang Yi - in videocollegamento - e "nessun Paese, neanche una superpotenza, è al di sopra del diritto internazionale, ne' può sostituire le regole internazionali con le proprie".

Parole sorprendentemente chiare, da parte del capo della diplomazia di Xi Jinping, cui preme sottolineare che Pechino intende giocare "un ruolo costruttivo per la pace". I messaggi sono rivolti a tutte le parti in causa: da una parte, scandisce Wang, "anche le preoccupazioni della Russia devono essere rispettate", e sarebbe necessario un "adattamento" della Nato.

"Se ci sarà un allargamento dell'Alleanza atlantica ci sarà davvero garanzia della pace? E' una domanda che i nostri amici in Europa si devono porre seriamente", si chiede il ministro di Xi, facendo capire quale potrebbe essere il punto d'incontro del negoziato. Dall'altra parte - questa volta il destinatario è Mosca - "il principio dell'inviolabilità dei confini vale per tutti i gli Stati che aderiscono alle Nazioni Unite, l'Ucraina non rappresenta un'eccezione".

DUE SOLDATI UCRAINI UCCISI/ Sono saliti a due i militari ucraini uccisi durante gli scontri di oggi con le forze separatiste filo-russe, i cui attacchi hanno preso di mira anche un gruppo di ufficiali che stava ispezionando la linea del fronte nel Donbass. A confermarlo e' il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che si trova in Germania per la Conferenza sulla sicurezza di Monaco e che ha riferito anche di tre soldati feriti. La prima delle vittime, ha fatto sapere il capo dello Stato di Kiev, e' stata uccisa da un colpo d'artiglieria alle 6 di questa mattina e lascia tre figlie di uno, sei e dieci anni. Nel frattempo l'emittente "Sky News" ha dato notizia di un gruppo di ufficiali costretti a ripararsi in un rifugio antiaereo dopo essere stati presi di mira dai proiettili delle forze separatiste. 

In un certo senso, Wang Yi ha proposto una sorta di road map: "Sia la Russia che gli europei e gli Usa si sono detti d'accordo che gli accordi di Minsk debbano essere la base per una soluzione: su questo bisogna ora concentrarsi". In altre parole: "Perchè le parti non possono sedersi ad un tavolo, condurre colloqui dettagliati ed elaborare un piano per mettere in atto le intese di Minsk?", scandisce Wang. "Questo è quello che si dovrebbe fare, invece di aumentare le tensioni e provocare il panico. Ora tutti i Paesi dovrebbero assumersi responsabilita' ed impegnarsi per una soluzione pacifica".

Wang Yi, sia pure tra i sorrisi, non pare fare sconti al Cremlino: "La sovranità, l'indipendenza e l'integrità territoriale di ciascun Paese devono essere protette e rispettate. Si tratta di una delle normi fondanti dei rapporti internazionali". D'altronde, "si è tornati ad una mentalità da Guerra fredda", ma è sbagliato riportare indietro le lancette della storia. La chiave per superare i conflitti è il multilateralismo: "Per trasformare il mondo in un posto migliore, i Paesi devono lavorare insieme, in un clima fondata sulla cooperazione, non sulla competizione", così ancora il ministro di Pechino, secondo il quale "bisogna lavorare mano nella mano", mentre "la sicurezza di un Paese non deve avvenire a costo di un alto, cosi' come non è accettabile che qualcuno formi dei blocchi militari". 

La questione, Wang Yi non se lo nasconde, ha anche il colore dei conti: dopo la pandemia "l'economia mondiale si sta riprendendo lentamente, e per avviarci verso un progresso sostenibile ci appelliamo a tutti i Paesi ad agire insieme". Aperture e avvertimenti dal palco di Monaco. Qui è il premier britannico Boris Johnson a chiedere alla Russia di "abbassare i toni prima che sia troppo tardi". Mosca "non avrebbe assolutamente nulla da guadagnare da questa impresa catastrofica e avrebbe tutto da perdere, e se invadera' l'Ucraina saro' la distruzione di uno Stato democratico", insiste BoJo.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    cinagermaniajoe bidennatorussiaucrainavladimir putinzelensky





    in evidenza
    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    MediaTech

    Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.