A- A+
Esteri
Ucraina, dal cinismo di Putin un insegnamento per l'Europa

Tuttavia – anche se stimo molto l’intelligenza e la spregiudicatezza di Vladìmir Putin – non sono sicuro che con questo show militare (se tale rimarrà) abbia veramente fatto un affare.

1 Nessuno dice più che la Nato non serve a niente: Putin stesso l’ha riqualificata dicendo (non si sa quanto sinceramente) di averne paura. E l’Occidente spaventato la sente oggi molto più necessaria di quanto non pensasse qualche mese fa.

2 In secondo luogo, l‘ipotesi dell’invasione dell’Ucraìna è servita a mettere in evidenza come sia un errore strategico, per una commodity essenziale come il gas, dipendere da uno Stato che non è un alleato. Se chiudesse i rubinetti del gas la Russia potrebbe farci morire di freddo, e ci costringerebbe anche a chiudere le fabbriche. E così finalmente da noi anche i cretini (cioè la maggioranza dei cittadini) hanno capito che bisogna diversificare le fonti quanto più è possibile. Nessuno dei fornitori deve poterci prendere per il collo.

3 Infine, altra lezione non trascurabile, la vicenda ha dimostrato che la Germania, da sempre gigante economico, è anche, da sempre, un nano politico. Oggi è costretta a stare al gioco di Mosca, perché dipende anche più di noi dal gas russo. E avere chiuso le poche centrali nucleari che aveva è stata una bestialità di colore verde. Mentre la Francia, che tutti si divertono a sfottere parlando di “grandeur”, ha risentito poco o niente della crisi energetica di questi giorni. Perché ha (salvo errori) cinquantasei centrali nucleari in attività e altre otto in progetto. I francesi non possono essere presi per il collo.

4 Ma la vicenda di questi mesi potrebbe pesare molto anche per la Russia. Se l’Occidente si allarma a sufficienza, e si dota di fonti energetiche diverse da quelle russe, potrebbe un giorno applicare qualcosa di più di sanzioni più o meno simboliche al Paese di Putin. Noi – attualmente – abbiamo un disperato bisogno di comprare il gas russo, ma – domani – la Russia potrebbe essere obbligata a ricordarsi che ha un disperato bisogno di vendercelo. Perché quel grande Paese vive di esportazioni di materie prime, non di manufatti. Già oggi, del resto, non è detto che la Russia potrebbe strangolare la Germania. Se Berlino è sopravvissuta nel 1948 ricevendo tutto per via aerea, figurarsi se non può ricevere tutto il necessario via mare.

5 Infine se, dall’episodio, l’Europa ricaverà la lezione della serietà in campo militare, e dell’indipendenza in campo energetico, dovremo tutti dire grazie a Putin, che ci ha svegliati dal sonno indotto dalla nostra imbecillità.

 

LEGGI ANCHE:

 

Ucraina, bombardato asilo: "Russia si ritira? Falso". Draghi: "Pronti a tutto"

 

Borsa, i venti di guerra in Ucraina scuotono ancora i mercati. Spread a 160

 

Green Pass abolito per tutti. Tra pochi giorni, c'è la data: eccola

Commenti
    Tags:
    europaputinucraina





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


    motori
    Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

    Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.