A- A+
Esteri
Ucraina, dalla Nato al G7 l'Occidente dice no alla proposta di pace di Putin
G7 Zelensky Meloni

Ucraina, dalla Nato al G7 l'Occidente dice no alla proposta di pace di Putin

Il G7 presieduto da Giorgia Meloni ha trovato accordi sulle tematiche di attualità, fra alcuni dei maggiori leader mondiali. L'Ucraina sarà aiutata con un prestito di 50 miliardi di dollari, da ritornare attraverso l'utilizzo degli interessi sui beni russi congelati dalle sanzioni. Fonti russe hanno risposto, a stretto giro, che tale iniziativa non "ha alcun valore legale" ed ha lasciato intendere che la Federazione di Putin sarebbe pronta ad adire in sede giuridica internazionale.

LEGGI ANCHE: Putin il "falco" lancia una proposta di pace sull'Ucraina. Kiev: "Una farsa"

La conferenza di pace indetta da Zelensky in Svizzera, proprio il 15 e 16 giugno, non vedrà la partecipazione della Russia né degli USA, né dell'Italia né dei più importanti Paesi occidentali e del sud del mondo, divenendo di fatto, un atto inutile e di certo non gratificante per l'immagine del presidente ucraino, tanto che Putin ha definito l'evento "un trucco", che mira a distogliere l'attenzione dalle cause della crisi ucraina. Intanto, Hunter, figlio del presidente americano Joe Biden, è stato dichiarato colpevole di tutti e tre i capi di imputazione federali per le armi da fuoco. Il rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite, Vasily Nebenzia ha dichiarato - riporta Izvestia - che "se Kiev rifiuta davvero l'attuale proposta di pace della Federazione Russa, in futuro le condizioni per l'avvio dei negoziati saranno diverse". Josep Borrell ha affermato che non tutti i Paesi dell'UE vedono la Russia come una "minaccia esistenziale". Sullo sfondo della proposta di Putin per porre fine al conflitto ucraino ed i primi no della NATO e di Kiev, anche dal G7 arriva indirettamente la bocciatura: nella dichiarazione finale del G7 vengono stimati i danni all'Ucraina in 486 miliardi di dollari che la Russia dovrebbe risarcire a Kiev. 

Il Pentagono ha bocciato la proposta di pace di Putin per l'Ucraina. Il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha affermato che il Cremlino "non è nella posizione di dire all'Ucraina cosa deve fare per raggiungere la pace". Il numero uno del Pentagono ha sottolineato che il presidente russo potrebbe mettere fine alla guerra ritirando le sue truppe dal territorio ucraino.

Il Financial Times, citando fonti, dichiara che "il governo israaeliano sta valutando l'adozione di misure punitive contro le Agenzie delle Nazioni Unite, che potrebbero equivalere all'espulsione di tutte le missioni dell'organizzazione".

Smotru_media riferisce che la Cina, per bocca del Vice rappresentante permanente della Repubblica popolare presso le Nazioni Unite, ha invitato le parti in conflitto in Ucraina a dimostrare volontà politica e ad avviare negoziati di pace. Nel frattempo Cyril Ramaphosa è stato rieletto presidente del Sud Africa per i prossimi cinque anni. Mentre Javier Milei incontrava i leader del "mondo libero" e abbracciava il Papa, sostenendo l'Ucraina, a Buenos Aires si verificavano violentissimi scontri tra manifestanti e polizia, contro di lui e le sue politiche filo-atlantiste.

Bloomberg riporta che "la Corea del Nord ha inviato in Russia 10 mila container con 5 milioni di munizioni d'artiglieria". In cambio, la Russia ha trasferito alla Corea del Nord la tecnologia per schierare satelliti da ricognizione, nonché carri armati ed aerei. Mentre il Daily Mail scrive che la Gran Bretagna vuole costruire il proprio sistema "IRON DOME", come annunciato da Tony Radakin, Capo di Stato Maggiore della Difesa britannico. Infine, Biden e Zelensky hanno firmato un accordo di sicurezza decennale tra Stati Uniti e Ucraina. Il Washington Post aveva scritto, prima di ciò, che Trump o qualsiasi altro presidente avrebbe potuto annullarlo. L'accordo non prevede l'invio di truppe americane in Ucraina, come confermato dallo stesso Biden il giorno prima della firma. Inoltre, gli Stati Uniti non assumono nuovi impegni riguardo alla prospettiva di adesione dell'Ucraina alla NATO. Ciò non obbliga gli stati Uniti a rispondere militarmente in caso di attacco all'Ucraina.






in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.