A- A+
Esteri
Ucraina, Fabbri: "A Xi non interessa la pace, dalla guerra ci guadagna"

Vertice Russia-Cina, l'analista geopolitico Fabbri ad Affari: "Questa guerra è come un fenomeno carsico"

Altro che “nuovo ordine mondiale”. Il vertice tra Xi Jinping e Vladimir Putin sembra ormai un lontano ricordo sullo scenario internazionale, che continua ad essere adombrato dal conflitto tra Russia e Ucraina. Più che di “equilibri”, però, si può parlare forse di squilibri: tra minacce di escalation nucleare e accordi economici, chi tira le fila? La Cina è davvero una potenza mediatrice? E quanto la guerra fa gioco ai singoli attori?

Affari ha interpellato Dario Fabbri, analista geopolitico e direttore di “Domino”, per provare a riportare – almeno sulla carta – un ordine logico agli ultimi avvenimenti.

Mosca continua a minacciare l’Occidente, mentre l'Ucraina si dichiara pronta a una controffensiva a Bakmhut. A che punto siamo realmente con la guerra?

La guerra è al momento in una situazione oggettiva di semi-stallo, con i russi che vorrebbero occupare l’intero Oblast' di Donec'k, ma sono ancora incagliati nella città di Bakhmut. Ci sono stati scambi reciproci di minacce, ma le minacce in sé non hanno grande valore, sono retorica. In realtà non si capisce in questa fase che cosa possa davvero sbloccare la guerra, se non un fatto che al momento non si vede, o una controffensiva ucraina efficace o una svolta russa nell’altro senso.

Anche se ci sono minacce da entrambe le parti di assestamento, in definitiva, mancano concrete avvisaglie che confermino gli scenari prospettati. Quello che sta facendo proseguire la guerra è, da un lato, la volontà della Russia di considerare il conflitto 'esistenziale': in questo senso, per Mosca può durare anche molti anni. Nell'impressione russa, questa è l’ultima guerra per ribadire il suo impero, e tornare a essere una grande potenza. Dall’altro lato c'è la voglia legittima degli ucraini di non cedere il territorio occupato; anche questo rischia di far proseguire la guerra per lungo tempo, al di là del mero 'cessate il fuoco'. Una guerra che fino ad ora ci ha insegnato che può inabissarsi e riemergere, come un fenomeno carsico.

A proposito di inabissamento, la Wagner potrebbe davvero "ribellarsi" a Putin? Cosa rischia la Russia?

Putin subisce dal Gruppo essenzialmente una forma di ricatto, visto che la Wagner è l’avanguardia dell’avanzata russa. Pretende non solo mezzi e munizioni: in cambio del suo tributo di sangue, mi sembra che voglia avere una maggior voce in capitolo proprio nella gestione politico-tattica della guerra. Di qui gli ultimatum che ogni tanto lancia nei confronti del Cremlino. E' questo il punto per il Gruppo Wagner, che non è nemmeno più una compagnia di mercenari, ma direttamente dentro le forze armate russe.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinadario fabbriguerraitaliamigrantirussia
in evidenza
Ferragni semi nuda sui social E la follower di 11 anni la bacchetta

"Puritani incazzati? Missione compiuta"

Ferragni semi nuda sui social
E la follower di 11 anni la bacchetta


in vetrina
Strategy Innovation Forum, grande successo per il debutto a Bari

Strategy Innovation Forum, grande successo per il debutto a Bari



motori
Opel allo IAA Mobility 2023 di Monaco presenta tre anteprime mondiali

Opel allo IAA Mobility 2023 di Monaco presenta tre anteprime mondiali

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.