A- A+
Esteri
Ucraina? Non solo, anche Minsk e Baltico. Putin sogna una nuova Urss. Mappa

Ucraina, le manovre di Putin oltre il Donbass

Il riconoscimento delle repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk potrebbe essere solo l'inizio. Vladimir Putin pare intenzionato a ridisegnare la mappa della Russia, o quantomeno delle aree che possono rientrare nella sua sfera di influenza diretta. Nella sua prospettiva, viene costretto dall'allargamento a est della Nato che minaccia direttamente la sicurezza di Mosca. Ma non ci sono solo ragioni geopolitiche o difensive alla radice delle mosse del presidente russo. No, lui stesso nel discorso in cui ha annunciato il riconoscimento del Donbass nei suoi confini attuali ha restituito un anelito storico, identitario e quasi filosofico alle ambizioni di allargamento verso occidente. E i cerchi rossi sulla mappa si moltiplicano. Oltre all'Ucraina, da tenere bene sotto osservazione quanto accade in Bielorussia e in direzione di Baltico e mar Nero.

"Vorrei sottolineare ancora una volta che l’Ucraina per noi non è solo un paese vicino: è una parte inalienabile della nostra storia, della nostra cultura e del nostro spazio spirituale. Da tempo immemorabile, le persone che vivono nel sud-ovest di quella che storicamente è stata la terra russa si chiamano russi e cristiani ortodossi. Era così prima del XVII secolo, quando una parte di questo territorio si è riunito allo stato russo, e poi dopo", ha dichiarato Putin preannunciando la sua decisione. E ancora: "L’Ucraina moderna è stata interamente creata dalla Russia o, per essere più precisi, dalla Russia bolscevica e comunista. Questo processo iniziò praticamente subito dopo la rivoluzione del 1917, e Lenin e i suoi compagni lo portarono avanti in un modo che risultò estremamente duro per la Russia – separando quella che è storicamente terra russa. Poi, prima e dopo la Grande guerra patriottica, Stalin incorporò nell’Urss e trasferì all’Ucraina alcune terre che appartenevano a Polonia, Romania e Ungheria. Diede alla Polonia parte di ciò che tradizionalmente era terra tedesca come compensazione, e nel 1954, Krusciov tolse la Crimea dalla Russia dandola all’Ucraina. E’ così che si è formato il territorio della moderna Ucraina". 

La visione di Putin sull'Ucraina: "Uno stato artificioso creato dalla Russia sovietica"

Si tratta di parole fondamentali da leggere e comprendere, perché danno il significato più profondo della concezione dell'Ucraina da parte di Putin. Un territorio russo per natura, una costruzione nazionale semi artificiale. "L’Ucraina non ha mai avuto tradizioni stabili di vera statualità e quindi ha optato per emulare stupidamente modelli stranieri, che non hanno alcuna relazione con la storia o le realtà ucraine. La cosiddetta scelta civile filo occidentale fatta dagli oligarchi ucraini non era e non è finalizzata a creare condizioni migliori nell’interesse del benessere della gente, ma a mantenere i miliardi di dollari che gli oligarchi hanno rubato agli ucraini e che tengono nei loro conti nelle banche occidentali", ha detto ancora Putin, delineando i contorni di quella che vuole vendere ai cittadini russi come una missione.

Putin si spinge oltre: "La disintegrazione del nostro paese unito è stata causata dagli errori storici e strategici dei leader bolscevichi e della direzione del Partito comunista, errori commessi in momenti diversi nella costruzione dello stato. Il crollo della Russia storica conosciuta come Urss è sulla loro coscienza". Questo è il passaggio fondamentale che fa capire quanto Putin miri, quantomeno a livello retorico, non solo a riprendersi quanta più Ucraina possibile, ma anche a cercare una parziale ricostruzione di quanto c'era un tempo e che fu un errore lasciare disciogliere.   

Sulla mappa di Putin l'Ucraina dovrebbe diventare uno stato cuscinetto. La tensione di Kiev verso l'occidente e verso la Nato gli rendono inevitabile un intervento per riportare all'ovile un paese che nella sua ottica ha storicamente ragione di esistere solo grazie a una concessione di Mosca. Da capire come questa concezione si possa tradurre sul campo. Ci si fermerà al riconoscimento delle repubbliche separatiste del Donbass oppure si cercherà di creare un territorio unito filorusso unendole alla Crimea? O ancora, come continuano a sostenere gli Stati Uniti, l'obiettivo finale potrebbe addirittura essere Kiev?

Le risposte a queste domande arriveranno probabilmente nei prossimi giorni dopo i nuovi round negoziali, anche perché su quello da sempre si concentrano. Lo "scenario Georgia", come l'aveva definito Affaritaliani in riferimento a quanto accaduto nel 2008 su Abkhazia e Ossezia del Sud, era l'obiettivo minimo di un Putin che non poteva semplicemente girare i tacchi di fronte alla battaglia retorica con l'occidente. Intanto, però, Mosca ha di fatto preso il controllo anche in un altro paese limitrofo, la Bielorussia

(Segue con le manovre su Bielorussia e Baltico)

Commenti
    Tags:
    balticobielorussiarussiaucrainaurssvladimir putin





    in evidenza
    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    Guarda le foto

    Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

    Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


    motori
    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.