A- A+
Esteri
Usa 2024, DeSantis ha un cv perfetto. Ma non sembra bastare per battere Trump
Ron DeSantis, candidato alle primarie repubblicane in vista delle elezioni del 2024

Elezioni Usa 2024, chi è Ron DeSantis e quante possibilità ha di battere Donald Trump

Il dado è tratto. Ron DeSantis ha ufficializzato la sua candidatura alle primarie repubblicane contro Donald Trump in vista delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti del novembre 2024. L'ex presidente ha già preso di mira il governatore della Florida, individuato come forse l'unico vero avversario in grado di impensierirlo. Trump ha messo in moto una macchina di finanziamenti per cercare di sbarazzarsi di DeSantis nel più breve tempo possibile e restare in testa ai sondaggi in vista delle primarie. Ma chi è lo sfidante principale di Trump e quante possibilità ha davvero di farcela?

DeSantis è emerso rapidamente come figura di spicco della politica americana, ammirato per il suo incrollabile impegno nei confronti dei principi conservatori e di un governo efficace. Grazie alla sua dinamica leadership come governatore della Florida, DeSantis ha attuato politiche che favoriscono la crescita economica, proteggono le libertà individuali e danno priorità al benessere dei suoi elettori. Mentre continua a plasmare il futuro della Florida, la sua dedizione al governo limitato, alla responsabilità fiscale e ai valori costituzionali lo posiziona come una voce di spicco all'interno del movimento conservatore. 

Ha un passato in cui si è molto distinto a livello accademico e ha conseguito una laurea in storia presso l'Università di Yale, dove ha dimostrato rigore intellettuale e capacità di pensiero critico. Ha proseguito la sua formazione frequentando la Harvard Law School, dove ha affinato le sue competenze legali e sviluppato una forte comprensione dei principi costituzionali. Dopo la laurea alla Harvard Law School, Ron DeSantis si è arruolato nella Marina degli Stati Uniti e ha prestato servizio come ufficiale del Judge Advocate General (JAG). DeSantis è stato insignito della Bronze Star Medal per il servizio meritevole. Dopo il servizio militare, ha continuato a servire il Paese come procuratore federale.

Un curriculum perfetto, che ha anticipato il suo lancio in politica avvenuto nel 2012, quando si è candidato con successo alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, rappresentando il 6° distretto congressuale della Florida. Durante il suo mandato al Congresso, DeSantis si è affermato come un convinto conservatore. È diventato una voce di spicco su temi quali la responsabilità fiscale e la sicurezza nazionale. In qualità di membro della Commissione per la supervisione e la riforma del governo della Camera, ha sempre spinto per la trasparenza e la responsabilità. 

DeSantis e la carriera politica con l'impegno per le imprese private

Nel 2018, Ron DeSantis ha ottenuto una vittoria significativa nella corsa al governatorato della Florida. Da quando è entrato in carico, DeSantis si è concentrato sul rafforzamento dell'economia dello Stato, dando priorità alla creazione di posti di lavoro e riducendo le normative governative non necessarie. Il suo impegno a favore dei principi del libero mercato ha attirato imprese e investimenti nel Sunshine State, portando a una robusta espansione economica di uno Stato chiave negli equilibri nazionali, anche in vista delle presidenziali visto che la Florida è uno dei classici swing states.

Inoltre, il governatore DeSantis è stato un convinto sostenitore delle riforme dell'istruzione, appoggiando la scelta scolastica e le scuole charter per dare potere ai genitori e fornire agli studenti opportunità di istruzione di alta qualità. DeSantis si è guadagnato l'attenzione nazionale durante la pandemia di Covid-19 per la sua risposta proattiva e soprattutto per aver attuato misure per proteggere le popolazioni vulnerabili e sostenere le imprese colpite dalla pandemia.

Basterà a sconfiggere Trump? Le prime indicazioni dicono di no. L'ultimo sondaggio di Morning Consult su 3.526 "potenziali elettori repubblicani" ha dato a Trump un vantaggio del 38% sul governatore della Florida. Condotto tra il 18 e il 20 maggio, ha rilevato che l'ex presidente è la scelta preferita dal 58% degli elettori repubblicani, contro il 20% di DeSantis. L'ex vicepresidente Mike Pence è terzo con il 6 percento, mentre nessun altro candidato ha ottenuto più del 5 percento dei consensi.

Elezioni Usa 2024, ultimi sondaggi sulla corsa fra Trump e DeSantis

Anche un sondaggio di HarrisX, condotto per conto del Center for American Political Studies dell'Università di Harvard, ha rilevato un vantaggio significativo di Trump. Secondo il sondaggio, Trump è il candidato presidenziale preferito dal 58% degli elettori repubblicani, contro il 16% di DeSantis. Tuttavia, se Trump dovesse ritirarsi dalla corsa, DeSantis sarebbe il favorito assoluto, con il 41%, contro il 14% di Pence. 

Trump lo ha subito preso di mira. L'ex presidente ha condiviso sul suo sito web Truth Social una serie di articoli che attaccano il repubblicano della Florida. Tra questi, un articolo pubblicato dal sito conservatore The Gateway Pundit, che ha definito Trump un "dono di Dio" e ha esortato DeSantis a "ritirarsi per il bene del GOP".

Dopo l'annuncio ufficiale Trump ha pubblicato un post bizzarro che ha scatenato diversa confusione. "Rob, il mio bottone rosso è più grande, migliore, più forte e funziona (VERITÀ!), il tuo no! (secondo la mia conversazione con Kim Jung Un, della Corea del Nord, che presto diventerà mio amico!)", ha scritto Trump.

La sfida è cominciata. E il curriculum perfetto di DeSantis potrebbe non bastare per cambiare il timoniere del partito repubblicano.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
desantisdonald trumpelezioni usa 2024sanzioniusa 2024





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Renault Rafale: l'ibrido high-tech che ridefinisce il SUV coupé nel segmento D

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.