A- A+
Esteri
Usa, il Pentagono contro Trump vieta di esporre la bandiera confederata

Sull’uso della bandiera degli Stati confederati della guerra di secessione il Pentagono si schiera contro Donald Trump.

L’aria di restaurazione, di ridiscussione della storia confederata legata a tanti ricordi che profumano di razzismo e schiavismo che da qualche mese soffia negli Stati Uniti ha toccato pure la grande Organizzazione della Difesa americana. 

Il Segretario della Difesa,Mark Esper, ha infatti deciso di proibire , in tutte le installazioni del Pentagono l’esibizione della bandiera confederata di battaglia dell’America.

La bandiera rappresenta gli Stati Confederati americani (undici del sud) che nella guerra civile lottarono per mantenere la schiavitù. Gli stessi Stati tra il 1861 e il 1865 che costituirono uno Governo indipendente non riconosciuto.Per questo la guerra sanguinosa che fecero con gli Stati del Nord è conosciuta come Guerra di Secessione. 

Dopo un’onda di proteste antirazziste e revisioniste su tutti i simboli storici legati all’oppressione e alla schiavitù le basi militari americane si preparano così ad eliminare questo ‘pesante' simbolo.

‘Le bandiere che abbiamo devono essere coerenti con gli imperativi di ordine e disciplina, del trattare tutto il mondo con rispetto e dignità, rifiutando tutti i simboli divisivi’ ha sostenuto il capo del Pentagono commentando questa misura. La misura non menziona direttamente la bandiera confederata ma nei fatti non la pone nella lista di quelle permesse.

La nuova decisione apre un nuovo fronte critico tra Trump ed Esper. Il presidente ha sempre difeso l’esibizione della bandiera confederata come un grande esercizio di libertà di espressione. Come pure ha sempre rigettato il grande movimento di revisionismo culturale che ha portato a condannare e in molti casi anche a distruggere tutti quei simboli, dalle statue ai monumenti, di un’America schiavista e coloniale.

‘Law and Order ‘ è il credo del repubblicano che il 4 luglio con alle spalle il Monte Rushmore ha voluto ricordare che nessuno potrà distruggere la storia americana. E quindi neppure cambiare nome a molte basi militari che portano i nomi di leader della Confederazione, come il Generale Lee  o quello della base di Braxton Bragg.

Ma il Pentagono ha un’idea differente. ‘Le bandiere-ha confermato il capo del Pentagono-sono simboli poderosi, soprattutto nella Comunità militare. Rappresentano una missione e una visione comune e un vincolo eterno tra soldati’.

Tra le bandiere permesse dal nuovo ordinamento, a parte quella a stelle e strisce, quella degli Stati e del Distretto di Colombia, quelle dei Corpi Militari,quelle civili approvate dal Senato e quelle delle Organizzazioni Internazionali di cui fanno parte gli Stati Uniti.

E sulla scia della decisione del Pentagono anche uno Stato conservatore come il Mississipi ha deciso  di eliminare il simbolo della Confederazione che era parte della bandiera nazionale. Un passo storico commentato dal Governatore,Tate Reeves, con 'una bandiera è un simbolo del nostro presente, della nostra gente e del nostro futuro. Spero di poter trovare un simbolo che rappresenti meglio tutto il Mississipi’.

E nonostante il forte aggravio di pena che Trump ha chiesto per chi danneggia le statue, la scorsa settimana molte statue del passato coloniale sono state distrutte o ritirate, formalmente e prudentemente, dalle autorità dei vari Stati.

Un grande segno dei tempi negli Stati Uniti ed una forte rivoluzione culturale e storica che ha messo persino in discussione il grande italiano Cristoforo Colombo. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    trumppentagonobandierasecessioneguerraschiavismocolonialismo
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4

    Renault e Mathieu Lehanneur presentano il concept-car della mitica R4


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.