A- A+
Esteri
Usa, Juul condannata a pagare 439 milioni di dollari per le sue “svapo”
Sigarette Elettroniche

Usa, Juul costretta a pagare 439 milioni di dollari

 

Juul (di proprietà di Altria che detiene anche Malboro), il più famoso produttore di sigarette elettroniche , è stata accusata di creare dipendenza ai giovani e condannata a pagare in 33 Stati americani e a Porto Rico la cifra “monstre" di circa 439 milioni di dollari. Il principale responsabile di questa accusa è stata la strategia di marketing utilizzata dal gigante dei prodotti svapo ad alto contenuto di nicotina. Negli Stati Uniti, l'età legale per acquistare questi prodotti è 21 anni, la stessa del tabacco. Tra le strategie utilizzate da Juul le feste di lancio, omaggi e campioni gratuiti e l'uso di giovani modelle sui social media per promuovere il merchandising.

Usa, nove altre cause e centinaia di cause "ad personam" contro l'azienda

Ma la guerra del Governo americano contro l’azienda non si è fermata solo a quest’ultima multa. Juul ha ancora nove cause separate ed ancora in giudizio con altrettanti stati e centinaia di cause personali di consumatori minorenni dei suoi prodotti. Lo scorso giugno la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha inoltre vietato a Juul di commercializzare i suoi dispositivi e baccelli aromatizzati al mentolo e al tabacco Virginia. Questi ultimi con dei carichi di nicotina compresi tra il 3% e il 5%. L’azienda ha inoltre dovuto ritirare dai negozi i suoi prodotti. La class action, iniziata nel 2020, è stata guidata da Texas, Oregon e Connecticut. A questo proposito il procuratore generale, William Tong, ha dichiarato che “La Juul ha commercializzato incessantemente prodotti di svapo ai minori, ha manipolato la loro composizione chimica per renderli attraenti nonostante la loro inesperienza, ha impiegato un metodo improprio processo di verifica dell'età e fuorviato i consumatori circa il contenuto di nicotina e la dipendenza dei loro prodotti. Le conseguenze sulla salute pubblica di questa negligenza sono ancora del tutto sconosciute. Con questo accordo, abbiamo assicurato centinaia di milioni di dollari per aiutare a ridurre l'uso di nicotina e stiamo costringendo Juul ad accettare una serie di severe ingiunzioni per porre fine al marketing giovanile e reprimere le vendite ai minori”.

Usa, previste forti restizioni alla pubblicità dei prodotti Juul

Ogni Stato coinvolto nella causa riceverà un importo diverso. In Connecticut. ad esempio, 16,2 milioni di dollari, mentre in  Texas, 42,8 milioni. Nell’accordo siglato con l’azienda sono previste forti restrizioni su pubblicità, vendita e distribuzione, ed un rafforzamento dei protocolli di "verifica dell'età" degli acquirenti.I tempi di pagamento della multa sono tra i 6 e i 10 anni. L’azienda in risposta all’accordo siglato con gli Stati ha sostenuto che “esso è un impegno a risolvere i problemi passati. I termini dello stesso sono in linea con le nostre attuali pratiche commerciali iniziate nell'autunno del 2019, quando abbiamo deciso di riorientare gli obiettivi aziendali". Juul è entrata nel mercato con un marketing aggressivo ed innovativo ed un design avanzato. Si è rivolta ai giovani cercando di convincerli di acquistare gli iPhone delle sigarette elettroniche. Ma alla fine la strategia non ha pagato e l’azienda ha dovuto pagare e soprattutto rivedere la sua comunicazione.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    juulmalboronicotinasigarette elettronichesvapousa





    in evidenza
    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    L'intervento del direttore di Affari

    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

    Mercedes-Benz arriva la gamma Van con innovazioni Hi-Tech

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.