A- A+
Esteri
Usa, Trump presidente. Come cambia il mondo secondo Edward Luttwak

Come cambieranno i rapporti tra gli Stati Uniti d'America e il resto del mondo con Donald Trump alla Casa Bianca? Affaritaliani.it lo ha chiesto al politologo a stelle e strisce Edward Luttwak che in un'intervista ad Affari dello scorso 24 luglio (clicca qui per leggerla) aveva previsto esattamente la sconfitta di Hillary Clinton.
 

L'ANALISI DI LUTTWAK PUNTO PER PUNTO:

 

edward luttwak ape

Edward Luttwak

Miglioramento dei rapporti con la Russia di Vladimir Putin con eventuale anche se graduale eliminazione delle sanzioni economiche contro Mosca.

Cambiamento radicale dei rapporti all'interno della Nato. I paesi che ne fanno parte, se vorranno restare in questa sorta di 'club' militare, dovranno in proporzione pagare la loro quota, Italia compresa.

Europa. Trump ritiene l'Unione europea un esperimento fallito: infatti ha vivamente appoggiato la Brexit, ovvero l'uscita del Regno Unito. Il nuovo presidente americano ritiene che Londra starà meglio fuori dall'Ue e che tutti i paesi che soffrono per la crisi, compresa l'Italia, registrerebbero un miglioramento delle condizioni economiche fuori dall'euro e dall'Unione. D'altronde l'Italia è vincolata e bloccata dalle regole Ue e ha bisogno di avere le mani libere per poter essere concorrenziale dal punto di vista economico.

Medio Oriente. Trump non litigherà con i paesi arabi ma certamente non avrà con loro l'indulgenza che ha avuto in questi anni Barack Obama. Il nuovo presidente Usa si oppone all'accordo con l'Iran, non lo cambierà ma certamente i suoi uomini non andranno a "sbaciucchiare" i politici di Teheran. E tutto ciò non può che rendere felice l'80% dei paesi arabi, almeno quelli islamici sunniti, Arabia Saudita ed Egitto in testa. Ovviamente non l'Iraq che ormai è una "colonia" iraniana.

Libia. L'Amministrazione Trump certamente non metterà i 51mila militari che servono per evitare che le 100 tribù libiche si scannino tra loro. Il Paese ideale per inviare questi 51mila soldati è l'Italia, d'altronde la Libia non è altro che un'invenzione di Roma e il popolo libico alla fine sarebbe ben contento di tornare ad essere una colonia.

Con la Corea del Nord ci sarà il tentativo da parte di Washington, attraverso la Cina, di portare il regime di Pyongyang a più miti consigli sulla proliferazione nucleare. Ma il tentativo fallirà clamorosamente. Alla fine Trump non si impegnerà moltissimo, spetta alla Corea del Sud risolvere il problema senza pensare sempre di farsi proteggere dagli Stati Uniti.

Con l'America Latina non ci saranno sostanziali cambiamenti. Trump è contrario all'accordo con Cuba ma non lo cambierà, anche se i rapporti con L'Avana saranno certamente più freddi rispetto a quelli tra Castro e il presidente Obama.

Tags:
trump usa presidente
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.